Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Apple lancia i nuovi Mac con la super-porta Intel

di Daniele Lepido

La rivincita del vecchio cavo, alla faccia del wireless, passa per una tecnologia che permette di trasferire da un computer all'altro film in alta definizione in meno di 30 secondi. Si chiama Thunderbolt (rombo di tuono), porta la firma di Intel, ed è uno standard inedito di trasferimento dati che nei prossimi mesi permetterà a un numero crescente di dispositivi di "parlare" alla velocità di 10 gigabit al secondo. A partire da una gamma di (costose) macchine di lusso: i MacBook Pro della Apple.

Ieri, infatti, l'azienda fondata da Steve Jobs (e Steve Wozniak) ha lanciato la nuova gamma di computer portatili professionali, che monta appunto questa porta, contraddistinta da un piccolo fulmine. Con 10 giga in entrambe le direzioni, Thunderbolt consente di trasferire dati da e sulle periferiche a una velocità fino a venti volte superiore rispetto all'Usb 2, e oltre dodici volte più rapidamente di una Firewire 800. Senza contare che due canali a dieci giga su un unico connettore permettono di collegare dispositivi ad alta velocità e un monitor senza utilizzare alcun hub e senza ridurre le prestazioni.

L'area che interesserà maggiormente questo ritrovato di Intel – precedentemente conosciuto con il nome in codice Light Peak – sarà quella dei contenuti multimediali. Thunderbolt dovrebbe raggiungere questi risultati tramite due protocolli di comunicazione: il Pci express, per il trasferimento dati e con la flessibilità di collegare qualunque dispositivo compatibile, e il Displayport per le nuove tv, che rende possibili risoluzioni dei display superiori a 1080 punti e fino a otto canali audio contemporaneamente.

«La gestione di contenuti multimediali in hd è una delle attività più impegnative per un computer – ha dichiarato Mooly Eden di Intel – e con Thunderbolt mettiamo a disposizione una tecnologia innovativa per aiutare professionisti e consumatori a operare più velocemente con le loro raccolte di contenuti multimediali».

Stesso tono per la dichiarazione della Apple. «Thunderbolt è una tecnologia rivoluzionaria – ha spiegato Philip Schiller, senior vice president Apple – che offre un'incredibile velocità di 10 gigabit e supporta tutti i principali standard I/O, ideale per il nuovo MacBook Pro».

Tra le altre novità dei Mac portatili c'è la videocamera in alta definizione, i processori dual-core Intel Core i5 e Core i7 fino a 2,7 Ghz e grafica Intel hd graphics 3000. I modelli da 15 e 17 pollici (il più piccolo è sempre da 13) presentano invece processori Quad-Core Core i7 fino a 2,3 Ghz e grafica Amd Radeon hd con fino a un giga di memoria video per giochi ad alte prestazioni ed editing video professionale. Abbondate, quindi, le schede grafiche Nvidia.

Intanto sembra tutto pronto per il 2 marzo, quando dal palco dello Yerba Buena Center di San Francisco dovrebbe essere presentato l'iPad 2 che, forse, incorporerà proprio la tecnologia Thunderbolt. Voluta, pare, proprio da Steve Jobs.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La segnalazione di Bankitalia su un’ipotesi di falso in bilancio rende legittimo il sequestro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Illimity Bank e un’affiliata di Cerberus capital management hanno perfezionato un’operazione di ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È ancora presto per dire che quello della raccolta di denaro fresco per le banche italiane non rapp...

Oggi sulla stampa