Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Appello per le aziende speciali

Entro il 31 maggio di ciascun anno, le aziende speciali e le istituzioni degli enti locali sono tenute a depositare i bilanci di esercizio nel registro delle imprese o nel repertorio economico amministrativo (Rea). Le aziende speciali sono tenute a depositare nel registro delle imprese il proprio bilancio di esercizio redatto nel formato tecnico elaborabile (Xbrl).

Il deposito del bilancio e degli altri allegati si effettua utilizzando il modulo B, selezionando, come codice forma giuridica «LL» (come già indicato per le iscrizioni e per le modifiche dei dati iscritti). Questo è quanto si legge nella circolare del 15 aprile scorso prot. n. 66698 del Mise, direzione generale per il mercato e la concorrenza, divisione XXI – registro delle imprese. I tecnici del Mise con la circolare in commento sono dovuti intervenire per chiarire tempi e modi di iscrizione e di deposito del bilancio da parte delle aziende e istituzioni speciali in seguito alla modifica dell’articolo114, 5 comma bis, del Tuel da parte della legge 147/2013 (articolo 1, comma 560).

Definizione azienda speciale. L’azienda speciale è l’ente strumentale dell’azienda locale ed è dotata di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale e di proprio statuto, approvato dal consiglio comunale o provinciale (art. 114, dlgs n. 267/2000 Tuel). Le aziende speciali degli enti locali hanno natura di enti pubblici economici e pertanto sono tenute agli adempimenti pubblicitari previsti per questi ultimi (art. 12 dpr 581/1995). Il comma 5-bis dell’art. 114, dlgs 267/2000,(introdotto dall’art.25 comma 2 della legge n. 27/2012 e successivamente modificato dalla legge n. 147/2013) ha previsto che le aziende speciali degli enti locali «_ si iscrivono e depositano i propri bilanci al registro delle imprese (_) entro il 31 maggio di ciascun anno». In seguito alla modifica apportata dal comma 5-bis (introdotta dalla legge n. 147/2013), a tale obbligo sono tenute anche le aziende speciali che gestiscono servizi socioassistenziali ed educativi, culturali e farmacie (escluse dalla precedente formulazione del comma 5-bis).

Definizione istituzione. L’articolo 114 del Tuel definisce l’istituzione come un «organismo strumentale dell’ente locale per l’esercizio di servizi sociali, dotato di autonomia gestionale». Organi dell’istituzione sono: il consiglio di amministrazione, il presidente e il direttore. I componenti sono nominati in base allo statuto dell’ente locale.

Deposito bilancio registro imprese. Le aziende speciali sono tenute al deposito del bilancio e degli altri allegati utilizzando il modulo B, selezionando, come codice forma giuridica «LL» (come già indicato per le iscrizioni e per le modifiche dei dati iscritti). Obbligati all’adempimento pubblicitario sono il legale rappresentante (o i legali rappresentanti) dell’azienda speciale, che devono anche sottoscrivere digitalmente il modulo stesso. Legittimato ma non obbligato ma al deposito del bilancio (cioè, alla compilazione e sottoscrizione del modulo B) è anche il segretario dell’ente locale. L’omesso o ritardato deposito del bilancio è assoggettato alla sanzione amministrativa prevista, in capo all’obbligato (o a ciascuno degli obbligati), dall’art. 2194 del codice civile.

Deposito bilancio Rea. Le istituzioni sono tenute a depositare nel rea il proprio bilancio d’esercizio entro il 31 maggio di ciascun anno. Tale adempimento pubblicitario viene eseguito mediante il modulo B, selezionando il codice forma giuridica EN (ente). Al modulo B andranno allegati, in formato PDF/A: il bilancio di esercizio, la nota integrativa, la relazione di gestione degli amministratori, la relazione dei revisori dei conti dell’ente locale, la delibera dell’ente locale, con cui si approva il bilancio dell’istituzione. Obbligati all’adempimento pubblicitario (e quindi alla sottoscrizione digitale del modulo B, nonché di ciascun allegato), sono il legale rappresentante o i legali rappresentanti (se più di uno) dell’istituzione Legittimato (non obbligato) al deposito in parola è anche il segretario dell’ente locale. L’omesso o ritardato deposito nel rea del bilancio dell’istituzione entro il termine sopra indicato comporta l’applicazione, in capo al legale rappresentante (o a ciascuno dei legali rappresentanti), delle sanzioni amministrative previste dalla legge n. 630/1981.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa