Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Antiriciclaggio, gare trasparenti

di Cristina Bartelli

La stretta antiriciclaggio per la partecipazione alle gare d'appalto di imprese residenti in paesi black list conquista la Gazzetta Ufficiale. Ieri, il ministero dell'economia ha inviato infatti al Poligrafico la stesura definitiva del provvedimento che dà attuazione alla disposizione contenuta nella manovra estiva (articolo 37 dl 78/2010).

Le imprese residenti nella lunga lista dei paesi considerati non collaborativi dal punto di vista fiscale con l'Italia avranno trenta giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto per adeguarsi alle nuove regole sulle procedure di partecipazione alle gare d'appalto in Italia.

Il fulcro della disposizione è ricevere, a fronte della presentazione di una serie di documenti, una attestazione un via libera da parte di via Venti Settembre alla partecipazione della gara. I soggetti che dovranno dotarsi di questa certificazione, dalla durata di un anno, sono, recita l'articolo 2 del dm, gli operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in paesi black list (dm 4 maggio 1999 e dm 21 novembre 2001).

Sono 14 i dati che dovranno essere inviati al dipartimento del tesoro, direzione V, via venti settembre, 97, 00187 a Roma in allegato ad una domanda su misura. I dati riguardano prevalentemente informazioni sui bilanci e la compagine sociale. In particolare dovranno essere rese note all'autorità italiana informazioni sull'atto costitutivo e sugli eventuali provvedimenti di autorizzazione, le generalità dell'imprenditore individuale, la ragione sociale la sede sociale e le eventuali sedi secondarie, la sede amministrativa, le generalità di chi tiene le scritture contabili, l'oggetto sociale, il capitale sociale sottoscritto e versato, le generalità del legale rappresentante o dei rappresentanti delegati della società, la generalità dei titolari delle quote di partecipazione sociale, anche per il tramite di società controllanti, controllate e fiduciarie, il sistema di amministrazione, le generalità degli amministratori e il possesso dei requisiti di eleggibilità. conformemente alla normativa italiana, generalità dei sindaci e dei soggetti esterni incaricati della revisione contabile, eventualmente nominati, data di approvazione del bilancio.

Inoltre l'operatore dovrà informare il ministero per tutti quegli episodi che si sono verificati negli ultimi cinque anni dalla data di presentazione dell'istanza con riferimento alla denominazione all'oggetto sociale e alle quote di partecipazione e agli organi di amministrazione della società.

Nel decreto si precisa inoltre che il diniego all'autorizzazione non impedisce la presentazione della nuova istanza. Infine il ministero può effettuare controlli a campione ed esercita la vigilanza per verificare che le condizioni continuino ad esistere.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al via la banca tutta online e digitale del gruppo Illimity, che fa capo a Corrado Passera. È Illim...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google ha accettato di pagare un totale di quasi 1 miliardo di euro per chiudere il contenzioso fisc...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il fondo Blackrock torna sopra la soglia del 5% del capitale sia in Unicredit che in Intesa Sanpaolo...

Oggi sulla stampa