Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Anomalie vecchio stile

Restano in vigore secondo l’Uif (Unità d’informazione finanziaria della Banca d’Italia) sia le modalità attraverso le quali attualmente vanno inviate le segnalazioni di operazioni sospette sia i numerosi decreti (elencati nella tabella pubblicata in pagina) recanti i comportamenti anomali che, nelle varie situazioni, potrebbero indurre alla segnalazione i destinatari della normativa.

È quanto si legge nel chiarimento apparso ieri sul sito Uif, al fine, si legge nel comunicato, di evitare incertezze e fornire una linea interpretativa per i soggetti obbligati. I provvedimenti in tabella si intendono ancora efficaci e/o applicabili in via transitoria in quanto compatibili con le disposizioni del dlgs 231/2007 come modificate dal decreto legislativo 90 del 2017.

Fra i provvedimenti abrogati secondo l’Uif, visto il rilevante cambiamento normativo in tema di obblighi antiriciclaggio degli uffici della pubblica amministrazione (si vedano art. 10 dei decreti legislativi 231/07 e 90/2017), devono includersi gli indicatori di anomalia relativi agli uffici della pubblica amministrazione (decreto ministero dell’interno 25 settembre 2015).

Altresì implicitamente soppressi, inoltre, le istruzioni emanate dall’Unità d’informazione finanziaria il 6 agosto 2013 e 10 marzo 2014, che disciplinavano le regole per l’invio alla stessa Uif di una comunicazione per ogni operazione di restituzione realizzata, di importo superiore ad euro 5.000, da effettuarsi quando il cliente non consentiva al soggetto obbligato di eseguire l’adeguata verifica. Ciò in quanto, si legge nel comunicato, il nuovo art. 42 del decreto legislativo 90/2017 non ripropone nel caso di mancata prosecuzione del rapporto, della prestazione professionale e delle operazioni con il cliente, la restituzione al medesimo delle disponibilità di relativa spettanza (fino ad oggi contenuta dell’art. 23, comma 1-bis del decreto legislativo 231/07).

Luciano De Angelis

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’Europa è pronta a smembrare i colossi del Web che non rispetteranno le nuove regole sul digital...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessuna autorizzazione preventiva, o per meglio dire nessuna esenzione in bianco per salire oltre il...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Invenzioni, brevetti, e altre opere dell’ingegno sono sempre più un pilastro dell’economia mode...

Oggi sulla stampa