Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Annullata l’asta di metà agosto

Niente aste dei BTp a 5 anni, e neanche dei BTp a 15 o 30 anni, in agosto. Il Tesoro ha comunicato ieri che «considerata l'ampia disponibilità di cassa e le attuali ridotte esigenze di finanziamento» le aste dei titoli a medio-lungo termine di metà agosto – quelle che si sarebbero dovute tenere il 12 – non verranno effettuate mentre andrà regolarmente in offerta, come da calendario, il BoT annuale. A fine agosto saranno emessi i BTp a 3 e 10 anni, con regolamento però il primo settembre. Un annuncio simile è arrivato ieri dal Tesoro austriaco, che ha alleggerito il programma di emissioni di agosto.

«Un ritorno alla normalità», è stata la chiave di lettura negli ambienti vicini al ministero dell'Economia sull'annuncio della cancellazione dell'asta. In effetti, fino al 2007, il Tesoro era solito cancellare l'asta a medio-lungo termine che cadeva attorno a Ferragosto – con un mercato italiano semi-deserto -, sfruttando un insieme di fattori coincidenti e favorevoli: abbondanza di liquidità in cassa e fabbisogno ridotto o nullo. Le motivazioni della decisione annunciata ieri sono le stesse: un picco a fine luglio sul conto di disponibilità, un buon andamento delle entrate fiscali che puntano a un fabbisogno basso e addirittura a un avanzo. Non avendo necessità di fare raccolta nell'immediato, e disponendo già in cascina di quanto basta per far fronte ai rimborsi di titoli in scadenza questa estate per circa 20 miliardi, il Tesoro ha deciso di tornare all'antico e di cancellare l'asta di metà agosto dei titoli a medio-lungo termine: quel BTp a 5 anni scosso dalla turbolenza che ieri ha nuovamente valicato la soglia del 5%, con uno spread sopra i Bobl tedeschi già tornato oltre i 300 centesimi (309 ieri sera). Non emettere il BTp quinquennale in pieno agosto, con un mercato che per motivi stagionali è comunque estremamente volatile e illiquido, è una decisione che non dovrebbe impensierire i traders. Sono infatti le entità dei titoli spagnoli e italiani in emissione e in scadenza nelle prossime settimane, nei prossimi mesi e anche nei prossimi anni (fino al 2013-2014) a tener banco: gli strategist stanno provando a calcolare qual è la potenza di fuoco necessaria all'Efsf per poter acquistare in maniera determinante i titoli italiani e spagnoli, nel caso di necessità. E l'Italia dà il segnale che può anche fare a meno di un'asta importante e che quindi ha la situazione sotto controllo.

Secondo i calcoli di Unicredit, l'Italia ha già portato a termine il 61% del suo programma di raccolta 2011: è avanti alla Spagna, che ha messo a segno il 60% del programma, e si trova addirittura in anticipo rispetto alla tabella di marcia dello scorso anno, quando di questa epoca il Tesoro si trovava al 59% del percorso. Chiara Cremonesi di Unicredit calcola che da questa settimana fino alla fine dell'anno l'Italia tornerà sul mercato con aste per un'ottantina di miliardi (compresi i CTz ma esclusi i BoT). Oggi sono in offerta i BoT a sei mesi per 7,5 miliardi contro gli 8,8 in scadenza: il rendimento lordo dovrebbe orbitare attorno al 2 per cento. Giovedì invece sarà il turno dei BTp e CcT indicizzati all'Euribor: il BTp a tre anni sarà offerto per 2,5 – 3,5 miliardi, leggermente sotto la media finora quest'anno dei triennali che è stata di 4,4 miliardi; il BTp decennale va in asta per 2- 3 miliardi, in linea con la forchetta per questo tipo di scadenza.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google entra nel mirino dell’Autorità antitrust italiana che, prima in Europa, ieri ha aperto un ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le imprese e i committenti non saranno lasciati soli. Anche a chiarire la posizione di alcuni player...

Oggi sulla stampa