Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ancora troppo alta la resistenza delle imprese al cambiamento

Quasi 8 aziende su 10 investono meno del 5% del proprio fatturato in progetti di digitalizzazione. Per il 39% delle imprese la volontà di risolvere un problema fortemente percepito rappresenta una leva all’implementazione di progetti di digitalizzazione, mentre per il 37% è il desiderio di mantenere la competitività sul mercato. È quanto emerge dalla lettura dei risultati della ricerca «La digitalizzazione in ambito B2B: leve, barriere e priorità future», dell’Osservatorio Digital B2B della School of Management del Politecnico di Milano per Sap Concur e Altea People, secondo cui tra i principali ostacoli all’implementazione di progetti di digitalizzazione si riscontrano assenza di una chiara visione sul digitale, resistenze al cambiamento da parte del personale interno e costi di attivazione troppo elevati (tutti al 35%). La digitalizzazione, tuttavia, è stata indicata dal 44% delle aziende come una delle priorità di investimento delle aziende nei prossimi 2 anni, preceduta solo dall’esigenza di sviluppare nuovi prodotti e servizi (54%) e seguita dallo sviluppo di nuovi mercati (26%), dal rafforzamento della forza vendita (20%), dall’internazionalizzazione dell’azienda (17%) e dalla sostituzione di macchinari obsoleti per rendere più efficiente il processo produttivo (13%). Analizzando le esigenze di digitalizzazione, le aziende puntano nel 50% dei casi alla trasformazione dei processi interni, di vendita (45%), di collaborazione (43%), di acquisto (nel 32% dei casi) e nella gestione delle transazioni (30%). La situazione di emergenza dovuta da Covid-19 ha influito sulle leve indicate, tra i problemi più fortemente percepiti in questo periodo si potrebbero per esempio menzionare il bisogno per i dipendenti di dotarsi di strumenti efficaci ed efficienti per il lavoro da remoto, mentre la diffusione dell’e-commerce è un’evidente dimostrazione della volontà delle aziende di continuare a offrire i loro prodotti e di evitare di essere tagliati fuori dal mercato. La terza leva più importante per la trasformazione tecnologica risulta essere la spinta normativa (indicata dal 36% delle aziende).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Banche alla verifica degli stress test dopo il Covid. Quante sono le aziende affidate che hanno pos...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo 10 anni passati a riaversi dai traumi della crisi finanziaria 2008 e cinque a tagliare i risch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«È una riforma importante quella di cui stiamo discutendo in questi giorni — dice il neo presid...

Oggi sulla stampa