Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ancora dubbi sulla tripla A francese

di Marco Moussanet

A questo punto la vera sorpresa sarebbe se la tripla A francese venisse confermata, visto che non passa praticamente giorno senza un nuovo avvertimento – vero o presunto – da parte delle agenzie di rating sulla possibile perdita del voto massimo assegnato a Parigi sull'affidabilità del suo debito sovrano.

Dopo i tre mesi di osservazione annunciati da Moody's il 17 ottobre sull'outlook della Francia – in vista di una possibile revisione da stabile a negativo, anticamera del declassamento – e i segnali d'allarme lanciati da Fitch e Standard & Poor's, proprio quest'ultima sarebbe in procinto di passare all'azione.

Stando ai rumors di mercato, rilanciati dal quotidiano economico La Tribune (a sua volta in gravissime difficoltà finanziarie), S&P si accingerebbe, nel giro di una settimana, dieci giorni al massimo, ad annunciare l'abbassamento a negativo dell'outlook. No comment, ovviamente, da parte dell'agenzia. Che peraltro, certo a causa di un "errore tecnico", aveva già provveduto a un intempestivo downgrading di Parigi.

I timori riguardano ancora una volta la debolezza della crescita, e quindi i dubbi sulla possibilità che la Francia centri gli obiettivi di riduzione del deficit: 4,5% l'anno prossimo e 3% nel 2013.

Dubbi che nel suo rapporto semestrale l'Ocse ha appena provveduto ad alimentare. Secondo l'organizzazione, la Francia è già entrata in una fase di recessione, sia pure «breve e di lieve entità». Il 2011 dovrebbe chiudersi con un Pil in aumento dell'1,6% (rispetto all'1,75% previsto dal Governo) e nel 2012 la crescita dovrebbe essere appena dello 0,3%, quando la Finanziaria è costruita sulla base di una stima dell'1 per cento. Per rispettare la tabella di marcia sul risanamento dei conti pubblici, Parigi dovrebbe quindi provvedere a una terza correzione (dopo le due già decise) pari allo 0,4% del Pil, cioè circa 8 miliardi, per quanto riguarda il 2012 e un'altra nell'ordine dello 0,5% del Pil (circa 10 miliardi) di tipo strutturale per rendere credibile il piano di rientro dal deficit a partire dal 2013.

L'Ocse punta inoltre i riflettori sul rischio di un alto livello strutturale della disoccupazione, che dovrebbe salire al 10,4% a fine 2012 per poi stabilizzarsi intorno al 10,3 per cento. Uno scenario confermato dal dato di ottobre sul mercato del lavoro: 4,46 milioni di disoccupati, in aumento del 5,2% sull'anno precedente. Lo stesso Governo ammette che l'obiettivo del 9% di disoccupati in Francia "metropolitana" (esclusi cioè i Territori e Dipartimenti d'Oltremare, generosamente sovvenzionati dallo Stato centrale) entro la fine dell'anno è irraggiungibile (il 2011 si chiuderà probabilmente intorno al 9,2-9,3 per cento).

Cattive notizie arrivano anche dal fronte dei consumi, con l'indice sulla fiducia delle famiglie sceso in novembre a quota 79, cioè sui livelli della primavera 2009.

Il Governo, dal canto suo, conferma la previsione di crescita 2012 all'1% e ribadisce che non ci sarà una terza manovra. Nella speranza che il "cuscinetto" di 6 miliardi previsto dalla legge di bilancio sia sufficiente a superare il primo semestre dell'anno e di poter quindi rinviare la correzione a dopo gli appuntamenti elettorali: le presidenziali di fine aprile-inizio maggio e le legislative di inizio giugno.

Speranza non infondata, stando almeno all'andamento dei mercati di questi ultimi giorni: il tasso sui decennali francesi oscilla intorno al 3,5%, con uno spread sui bund tedeschi sceso intorno ai 140 punti. L'appuntamento a questo punto è per domani, con l'ultima emissione dell'anno: in offerta ci sono Oat con scadenze 6-30 anni per un ammontare compreso tra 3 e 4,5 miliardi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il consiglio di Atlantia (e quello di Aspi) hanno risposto al governo. Confermando di aver fatto tut...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Serviranno ancora un paio di mesi per alzare il velo sul piano industriale «di gruppo» che Mediocr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il piano strategico al 2023 rimane quello definito con Bce e sindacati. Ma una revisione dei target ...

Oggi sulla stampa