Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ancora 50 mln per la digital transformation

Oltre 380 domande presentate: a tanto ammontano le istanze inoltrate al ministero dello Sviluppo economico dalle micro, piccole e medie imprese per richiedere l’agevolazione in favore della «Digital transformation» dei processi produttivi relativi ai settori manifatturiero, commercio, turismo e beni culturali. L’incentivo mira a supportare competitività e investimenti innovativi delle pmi in tecnologie abilitanti relative al piano nazionale Impresa 4.0. L’agevolazione viene concessa sul 50% dei costi e delle spese ammissibili a contributo e poggia su due gambe:

– il 10% viene concesso sotto forma di contributo;

– 40% come finanziamento agevolato.

La misura è stata avviata lo scorso mese di dicembre e a sua disposizione ci sono ancora oltre 50 mln di euro, cioè metà del budget complessivo messo a disposizione dal MiSe, consistente in 100 mln di euro.

Le micro, piccole e medie imprese interessate potranno, anche in forma aggregata, continuare a presentare nei prossimi giorni le domande per l’incentivo.

A disciplinare l’agevolazione sulla «Digital transformation» è stato un decreto direttoriale MiSe del 9 giugno 2020, attuativo dell’articolo 29, commi da 5 a 8, del decreto Crescita (n. 34/2019, convertito nella legge 58/2019).

Successivamente, con un altro decreto direttoriale del primo ottobre 2020 sono stati definiti, i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazioni, ma anche i punteggi, le condizioni e le soglie minime di ammissibilità delle stesse domande, nonché criteri per la determinazione e la rendicontazione delle attività e dei costi ammissibili, gli oneri informativi a carico dei soggetti proponenti e gli ulteriori elementi utili a definire la corretta attuazione dell’intervento agevolativo.

Possono beneficiare delle agevolazioni solo le pmi che, alla data di presentazione dell’istanza:

 

  • risultino iscritte come attive nel Registro imprese;
  • operino in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e/o nel settore turistico e/o nel settore del commercio;
  • abbiano conseguito, nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a 100 mila euro.
  • dispongano di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese;
  • non siano sottoposte a procedura concorsuale e non si trovino in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente a normativa vigente.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa