Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

“Anche la Germania sta pagando in Europa si vince solo insieme”

Lo spread spagnolo giovedì scorso ha raggiunto livelli quasi da salvataggio mentre uno sparuto gruppo di economisti liberal-conservatori pubblicava in Germania una scarica di critiche contro le concessioni del governo ai suoi partner europei. Nel mirino di queste grida di allarme, lo spartano ufficio del ministro delle finanze Wolfgang Schäuble sembra il proverbiale occhio del ciclone
che colpisce l’Europa.
Si prenderanno delle decisioni sul piano di salvataggio alle banche spagnole nella riunione dell’Eurogruppo di lunedì?
«Riceveremo le relazioni del ministro dell’Economia Luis de Guindos e della troika sullo stato del negoziato per applicare quanto stabilito politicamente. La Spagna ha dei problemi specifici nel suo settore bancario, a causa dell’esplosione della bolla immobiliare. Per questo, vogliamo appoggiarla nella ricapitalizzazione delle sue banche con il fondo di stabilità Efsf. Invitiamo la Spagna a prendere questa strada. Tra i nostri governi c’è un dialogo costante estremamente importante. Abbiamo una moneta comune e tutti soffriamo per la crisi di fiducia nei mercati finanziari. La Spagna ha preso delle decisioni coraggiose, le riforme strutturali stanno facendo vedere dei risultati ».
L’Eurogruppo discuterà gli aiuti diretti alle banche spagnole?
«Ogni cosa a suo tempo: prima dobbiamo mettere in funzione una vigilanza bancaria comune efficiente, con la partecipazione della Bce. Poi discuteremo su come potremmo rendere possibile l’accesso diretto delle banche ai fondi europei di stabilità. Non funzionerà senza un supervisore che controlli le banche, il loro uso degli aiuti e il soddisfacimento delle condizioni poste. Ma l’organismo di vigilanza
non entrerà in funzione quest’anno. È poco realistico. Per poter agire adesso, abbiamo stabilito che il Frob [Fondo spagnolo di ristrutturazione ordinaria delle banche] presenti la domanda come agente del governo spagnolo. Il denaro verrà dal fondo provvisorio Efsf, perché quello permanente (Esm) non è ancora pronto. A noi comunque interessa che la Spagna si riprenda, perché condividiamo un impegno comune, ma non ha bisogno di un prestito, ne hanno bisogno una parte delle sue banche. La situazione non è assolutamente come quella della Grecia. Madrid non ha bisogno di un salvataggio».
Quali sono le sue linee invalicabili nella lotta contro la crisi? Siete disposti ad attraversarle?
«È una vecchia cantilena della critica dire che stabiliamo delle linee invalicabili per poi attraversarle. Non è vero. Ma dobbiamo rispettare un paio di principi, ad esempio che la solidarietà e il consolidamento devono andare di pari passo. E che il controllo e la responsabilità non vanno divisi. D’altra parte, ciò che è una buona soluzione per l’Europa è anche una buona soluzione per la Germania. Questo non è il calcio: in Europa vinciamo o perdiamo tutti insieme ».
La Germania non ha tratto vantaggio dai minuscoli interessi che paga come valore rifugio nella crisi?
«Il nostro debito è aumentato da quando è iniziata la crisi, è più alto di quello della Spagna e supera l’80%. Per il coinvolgimento del settore privato nell’haircut greco, abbiamo appena perso 10 miliardi di euro nelle nostre bad-bank. Inoltre siamo i principali garanti e i più grandi contribuenti dei fondi di stabilità. Ci assumiamo dei rischi che a me sembrano controllabili, ma a causa dei quali ci criticano in Germania. Davvero, io non mi preoccuperei del fatto che solo noi traiamo vantaggio dalla situazione.
A 70 anni, dopo aver servito per tutta la vita lo stato, pensa a ciò che lascia?
«Non penso alla mia lapide né al mio epitaffio, ma bisogna dire ai giovani di non avere paura. Siamo usciti da situazioni peggiori. In tutta l’Europa abbiamo la democrazia, la pace, il benessere, la sicurezza… Dobbiamo ricordare quanto siamo fortunati ad avere l’Unione Europea.
C’è la preoccupazione che le politiche di austerità demoliscano il welfare state.
«Il welfare state è a un livello più alto di ciò che potevano sognare le generazioni che ci hanno preceduto. Una politica finanziaria sostenibile è fondamentale per la crescita economica, con la quale manteniamo il welfare state».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai due estremi ci sono Generali e Unicredit: promossa a pieni voti la prima (almeno dagli investitor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pace con Vivendi in Piazza Affari vale 35 milioni di capitalizzazione. Dopo una fiammata in avvio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

er la prima volta da molti anni un rialzo dei tassi d’interesse si affaccia negli scenari della po...

Oggi sulla stampa