Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Amsterdam sorpassa la Borsa di Londra E la City accusa: «L’Ue ci taglia fuori»

La Banca d’Inghilterra lancia l’accusa all’Unione europea: vogliono tagliare fuori la City dai mercati finanziari del Continente, dice il governatore Andrew Bailey. E, aggiunge, sarebbe un grave errore, con conseguenze pesanti per tutti.

In un discorso rivolto ai servizi finanziari e professionali, Bailey ha sostenuto che la Ue sta cercando di imporre alla Gran Bretagna regole più stringenti di quelle richieste ad altri partner, come la Svizzera o gli Stati Uniti: condizioni che, a suo avviso, sarebbero inaccettabili se imposte agli stessi europei. «La Ue sta cercando di tagliare fuori il Regno Unito? — ha riflettuto Bailey — Al momento ci sono segnali dell’intenzione di fare così. Ma penso che sarebbe un errore, condurrebbe alla frammentazione dei mercati: e il problema della frammentazione dei mercati è che alza i costi per tutti, inclusi, tra l’altro, i cittadini europei».

Il timore è che il mancato accesso per la City alla finanza del Continente possa far salire i costi di mutui e assicurazioni sia in Gran Bretagna sia in Europa e che comporti un aggravio dei costi delle transazioni valutarie per le aziende che si avvalgono di scambi internazionali.

L’accordo sulla Brexit, raggiunto in extremis alla fine di dicembre, copre solo le merci: per la finanza e i servizi in generale l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue è stata di fatto un no deal, un divorzio senza intese. L’unica cosa che la City può ottenere, per continuare a operare in Europa, è un regime di equivalenza, negoziato settore per settore: ma Bruxelles sta puntando i piedi e in ogni caso sarebbe un accomodamento che può essere revocato con un preavviso minimo.

«Temo che un mondo in cui la Ue detta e determina quali regole e standard abbiamo nel Regno Unito non possa funzionare», ha detto il governatore della Banca d’Inghilterra. Il problema però è che la City vorrebbe accesso ai mercati europei, riservandosi tuttavia la facoltà di divergere dai loro regolamenti: lo stesso Bailey ha ammesso che una piazza finanziaria delle dimensioni della City deve essere in grado di fissare le proprie regole, pur in una cornice mondiale.

Ma intanto le conseguenze della frattura si fanno già sentire. A gennaio Amsterdam ha superato Londra come maggior centro di contrattazione di azioni europee: sulla piazza olandese, controllata da Euronext, la società che lo scorso ottobre ha acquisito Borsa Italiana proprio dal London Stock Exchange, sono state scambiate azioni per un valore di 9,2 miliardi di euro al giorno, contro gli 8,6 miliardi della City. Bruxelles ha vietato alle aziende europee di scambiare azioni a Londra, costringendole a migrare verso altre piazze finanziarie. La City resta però il centro dominante nel mondo per le contrattazioni valutarie e sui derivati.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa