Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Amministratori, slalom per dedurre i compensi

La deducibilità dei compensi agli amministratori di società non segue sempre il principio di cassa allargata applicabile agli importi erogati fino al 12 gennaio dell’anno successivo. Ci sono casi come quello dell’amministratore professionista o del periodo d’imposta a cavallo in cui la regola non si applica.
Criterio di cassa «allargato»
Il criterio di deducibilità secondo cassa governa il trattamento fiscale sia della società che eroga il compenso sia quello dell’amministratore che lo percepisce. In realtà si parla di cassa allargata nel senso che le somme erogate entro il 12 gennaio dell’anno successivo (ora 2014) rientrano negli emolumenti figurativamente incassati dall’amministratore.
La circolare 57/E/2001 ha affermato la tesi secondo cui anche per la società si deve applicare il criterio di cassa allargato: pertanto la società può dedurre i compensi pagati agli amministratori fino al 12 gennaio dell’esercizio successivo al termine del periodo d’imposta, come se figurativamente li avesse erogati entro il 31 dicembre.
Questa tesi viene facilmente applicata dalla totalità delle società senza particolari problemi, però vanno segnalate alcune incertezze che emergono nei quesiti degli operatori.
Il professionista
Può presentarsi il caso di un soggetto che svolge attività professionale personale attinente a quella di amministratore della società. È il caso, per esempio, di un dottore commercialista che amministra una società e che in forza della sua attività professionale abituale attrae i compensi amministrativi percepiti alla sfera del reddito derivante da esercizio arte o pressione e non a quello di lavoro dipendente assimilato. Quindi i compensi percepiti nei primi giorni di gennaio 2014 entrano a far parte del reddito 2014 e non 2013. Se la ratio dell’indicazione delle Entrate è di far coincidere i criteri di tassazione tra erogante e percipiente, in questa situazione specifica saranno deducibili solo i compensi erogati entro il 31 dicembre 2013, mentre quelli erogati nei primi dodici giorni di gennaio saranno dedotti nel successivo periodo d’imposta.
Periodo d’imposta a cavallo
Ci sono poi le società con esercizio a cavallo dell’anno solare (ad esempio 1° luglio-30 giugno), che eroga i compensi all’amministratore non professionista per la mensilità di giugno entro il 12 luglio. Pertanto l’erogazione avviene già nel periodo d’imposta successivo. In tal caso si ritiene che non possa trovar applicazione la deduzione con il principio di cassa allargato, poiché viene meno la motivazione di base che ha indotto l’Agenzia a pronunciarsi in tal senso: per il percipiente le somme incassate entro il 12 luglio non costituiscono eccezione rispetto al principio di cassa ordinario, ragion per cui non vi è motivo di derogare per la società dall’applicazione del medesimo principio di cassa «stretto».
I contributi previdenziali
Nell’affermare l’applicazione del principio di cassa, l’articolo 95, comma 5, del Tuir cita in modo esplicito il termine «compensi spettanti agli amministratori», delimitando quindi a tale voce di costo la deroga al principio di competenza. Di conseguenza ciò che costituisce costo relativo alla prestazione dell’amministratore ma non si presenta in senso stretto come compenso, non rientra nell’applicazione del principio di cassa. Come per i contributi previdenziali dovuti sul compenso erogato all’amministratore. Consideriamo che il compenso relativo a dicembre 2013 venga materialmente corrisposto il 20 dicembre 2013 mentre i contributi previdenziali vengono versati il 16 gennaio 2014. I contributi previdenziali imputati a conto economico vengono dedotti a prescindere dalla data del pagamento perché il costo segue la regola generale della competenza. Stessa situazione per i rimborsi analitici o forfettari spettanti agli amministratori: non si tratta di compensi e quindi valgono le regole generali del principio di competenza e di derivazione. Il componente negativo imputato a conto economico potrà essere dedotto a meno che non sussistano altre condizioni ostative previste dal Tuir.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa