Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Amco pronta a rilevare 14 miliardi di Npl Unicredit È il regalo di nozze del Mef

Festa della Befana senza carbone per Unicredit, anzi. Secondo indiscrezioni rese note dall’agenzia Reuters – come da copione non commentate dalla banca ma date praticamente per sicure dal mercato – per agevolare il matrimonio con il Montepaschi il Mef sta studiando di rilevare attraverso Amco (100% controllata dal Tesoro) circa 14 miliardi di crediti lordi deteriorati Unicredit. Un’operazione immaginata dal governo e propedeutica appunto alle nozze, secondo uno scenario che ha infiammato la Borsa, che ieri ha premiato con un robusto rialzo del 6,09% il titolo di Piazza Gae Aulenti e del 3,65% quello senese. Anche sul fronte Mps potrebbe esserci qualche altra cessione di Npl.
Amco non si è mai caratterizzata come soggetto molto aggressivo in questo genere di operazioni, anzi fin dai tempi in cui ha rilevato i crediti in sofferenza delle due banche venete ha svolto un ruolo di “agevolatore” nei suoi interventi nel settore bancario.
Per questo il mercato immagina, magari in modo un po’ schematico, che l’intervento di Amco possa garantire a Unicredit condizioni di cessione più vantaggiose (c’è chi si spinge a parlare di un miliardo) rispetto a un’analoga operazione con altri operatori. Si raggiungerebbe così quella “dote” da 6 miliardi (insieme agli incentivi fiscali e al rafforzamento patrimoniale) che l’istituto ancora guidato da Jean Pierre Mustier sembra volere per convolare a nozze con Siena. Anche senza retropensieri, la cessione di Npl rende Unicredit comunque più forte nella prospettiva delle nozze.
Per il momento non sono ancora partiti negoziati formali, ma secondo alcuni rumor le intenzioni del governo sono di trovare una soluzione al Monte in tempi brevi: forse di ipotizzare un ventaglio di possibili azioni già nel mese di gennaio. Entro fine mese Mps deve consegnare il suo capital plan alla Commissione, illustrando le misure che intende prendere per il rafforzamento patrimoniale. È naturale che il Mef punti ad un accordo di principio il prima possibile, anche se poi il negoziato conclusivo non può che essere firmato dal nuovo amministratore delegato (che verrà formalmente eletto dall’assemblea del 15 aprile, ma scelto molto prima).
Marina Natale, che guida Amco, proviene proprio dalle fila di Unicredit ed è uno dei nomi più gettonati nel toto-scommesse per il nuovo ad di Unicredit. Insieme a Marco Morelli (ex Montepaschi) Andrea Orcell, Alberto Nagel e almeno ad altri quattro banchieri: è possibile che intorno a metà mese si arrivi ad una short list con un nome forte.
Nei conti del terzo trimestre, Unicredit aveva Npl lordi per 22,7 miliardi, di cui 5,9 nella banca non-core. Qualche cessione è stata già fatta in questi ultimi mesi, ma è altrettanto probabile che la parte “viva” degli Npl sia piuttosto aumentata, data la congiuntura, e viepppiù si appresti a farlo in futuro (come per tutte le banche). Ecco perché un alleggerimento di quelle poste può aiutare le nozze con Mps.
Un altro punto dolente sono le cause che il Montepaschi si trascina (10 miliardi le richieste danni) dopo la sciagurata acquisizione Antonveneta e le operazioni in derivati. Anche questo caso il governo (insieme all’advisor Bofa) starebbe studiando tre soluzioni, con schemi di garanzia diversi per sterilizzare i rischi futuri per l’acquirente.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa