Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Amburgo, schiaffo alla Merkel la Spd vola e sfiora il 50%

di Andrea Tarquini

BERLINO – Disfatta di dimensioni storiche per il partito di Angela Merkel. Ieri nella sua città natale Amburgo, nella prima delle sette elezioni previste in quest´anno in altrettanti dei 16 Bundeslaender, la Cdu al potere da 10 anni è uscita più che dimezzata. Ha invece trionfato la socialdemocrazia (Spd), che governerà da sola la città-Stato con la maggioranza assoluta. Lieve aumento per Linke (sinistra radicale), Verdi e Fdp (liberali). Nel complesso, il "super-anno elettorale" 2011 si apre per la Cancelliera con una giornata nera ogni oltre previsione.
Certo, si è votato su temi e umori locali. Ma l´impatto a livello federale non manca, visto il carattere da terremoto degli exit poll. Rispetto alle ultime elezioni, nel 2008, la Cdu crolla dal 42,6 per cento a un misero 20,5. La Spd vola, dal 34,1 cresce al 49,5 per cento. Aumentano anche sinistra radicale, verdi e Fdp. «È un risultato storico, abbiamo il vento in poppa e quest´anno sarà così anche negli altri Bundeslander dove si andrà a votare», ha detto a Berlino il leader nazionale spd, Sigmar Gabriel. Facce scure e ammissione di disfatta invece tra i cristianodemocratici: «È un giorno doloroso», affermano.
Non basta dunque ad Angela Merkel essere in testa nei sondaggi a livello nazionale, né avere alle spalle la forza della ripresa della Germania locomotiva economica d´Europa e un prestigio senza pari da leader e statista nell´Unione europea e a livello mondiale. Sullo sfondo della figuraccia del "ministro-copione", il titolare della Difesa barone Karl-Theodor zu Guttenberg smascherato dai media con la sua tesi di dottorato tutta plagi, della paura dei costi del salvataggio dell´euro e delle incertezze perduranti degli elettori, la Spd torna in gioco, per la prima volta dalla sconfitta federale nell´autunno 2009. Non a caso vince ad Amburgo con Olaf Scholz, giovane ex ministro nel governo Schroeder, esponente riformatore, nemico dei massimalisti nel partito. Mentre la Cdu paga carissimo l´addio alla politica, un anno fa, di Ole von Beust, il riformista merkeliano, aristocratico, anticonformista e gay dichiarato, che dieci anni fa aveva espugnato il bastione rosso Amburgo e governava insieme ai Verdi. Gli ecologisti avevano rotto la coalizione con il partito della Merkel, e al posto di von Beust la Cdu aveva scelto il grigio, tradizionalista Christoph Ahlhaus. All´ala destra cdu la borghesia illuminata della metropoli anseatica ha preferito una Spd moderata.
Per la Merkel ora molto sarà più difficile. Al Bundesrat (Camera degli Stati), la coalizione Cdu-Csu-Fdp scende da 34 a 31 seggi su 69, ancor più lontana dalla maggioranza che è 35. E i pronostici sono negativi per le prossime elezioni. A cominciare il 27 marzo dal ricchissimo Baden-Wuerttemberg, cristianodemocratico da sempre, dove il governatore, il falco Stefan Mappus, è a rischio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Quasi due milioni di lavoratori autonomi hanno fatto domanda per avere l’indennità di 6...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Destano forti preoccupazioni gli effetti economico-finanziari causati dai provvedimenti conseguenti ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proroga di un anno per il Codice della crisi. Probabilmente già con un emendamento da inserire in s...

Oggi sulla stampa