Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Allarme sicurezza tra i commercianti la criminalità pesa per oltre 26 miliardi

Minacciati costantemente dalla criminalità, e non solo dalle grandi organizzazioni, ma anche dai delinquenti comuni. Sottoposti costantemente a taccheggio, spesso in condizioni di dover ricorrere all’usura: il 47% dei commercianti ritiene che i livelli di sicurezza per la propria attività siano peggiorati negli anni della crisi, tra il 2008 e il 2013. La percentuale sale al 58% nelle grandi città del Centro-Sud e al 63% per i tabaccai. Ma forse il dato più allarmante che emerge dall’indagine Confcommercio-Gfk Eurisko sui fenomeni criminali, presentata in occasione della Giornata di mobilitazione “Legalità, mi piace!”, è che molti operatori si stanno arrendendo, stanno cedendo alle minacce. L’anno scorso infatti il 60% degli intervistati dichiara di aver respinto le richieste di estorsione, contro il 73% del 2007. E anche chi dichiara di aver accettato sale al 27% dal 19% del 2007. I danni economici sono ingenti: l’indagine stima che per l’intero settore del commercio, alberghi e pubblici esercizi, le perdite subite a causa delle attività illegali arrivino nel 2014 a 26,5 miliardi di euro, pari al 12,4% del valore aggiunto. Pesanti anche le ricadute sugli occupati: a rischio a causa delle attività criminali 260.000 posti di lavoro regolari.

Il problema naturalmente non è appena del settore, è dell’intero Paese, sottolinea il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli: «Più la crisi si protrae, più la forza di reagire si affievolisce da parte della singola impresa in regola. E noi non possiamo permettercelo, non solo moralmente, ma anche come sistema Paese. Sicurezza e legalità sono infatti prerequisiti di una democrazia compiuta, ma sono anche condizioni necessarie per un’economia sana e un mercato che funziona». Il peggioramento delle condizioni di sicurezza per le attività comsmo merciali non è limitato alle Regioni del Mezzogiorno, ma emerge anche in aree considerate più tranquille e più prospere: nelle Marche la percezione di insicurezza è peggiorata per il 55% degli intervistati contro la media nazionale del 47%; in Lombardia siamo al 50%, nel Lazio al 54%, in Emilia Romagna al 59%. Anche chi non subisce pressioni dalla criminalità organizzata deve magari guardarsi dal taccheggio (55%), un fenomeno molto accentuato dalla crisi; in crescita anche i furti (68%).
Il ministro dell’Interno Angelino Alfano, intervenendo al convegno, ha annunciato di aver appena firmato una direttiva ai prefetti e ai questori contro la contraffazione e l’abusivi- commerciale, e ha invitato i commercianti a denunciare estorsori ed usurai, assicurando che lo Stato sarà sempre al loro fianco. Tuttavia, secondo il ministro i fenomeni criminali contro il commercio sono in diminuzione: in particolare negli ultimi dodici mesi si è registrato un «decremento del 15% nelle estorsioni, mentre i casi di usura sono scesi del 28,5%». Perplessa Rosanna Montalto, vicepresidente Confcommercio Palermo: «Secondo i nostri dati regionali i reati di racket ed usura sono in aumento e colpiscono in maniera trasversale famiglie e piccole imprese. Non capisco come i dati a disposizione del ministro Alfano indichino invece una diminuzione ».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa