Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alla Bce il 24% dei titoli italiani 2020

Con la riapertura del piano di riacquisti di attività decisa un mese fa la Banca centrale europea (Bce) si è garantita un ruolo da protagonista sul mercato dei titoli di Stato europei anche per gli anni a venire. Sommando le nuove operazioni (20 miliardi al mese, fino a 14 dei quali sui bond pubblici) e quelle necessarie per rimpiazzare i titoli nel frattempo scaduti e le cedole maturate, Francoforte è infatti pronta a coprire un terzo delle emissioni lorde stimate per il 2020 nell’Eurozona, secondo i calcoli di UniCredit Research. Se si tiene conto di quanto gli Stati devono necessariamente collocare per rimpiazzare i bond giunti a maturazione, per alcuni Paesi come la Germania o i Paesi Bassi la Bce rastrellerà un quantitativo superiore o addirittura doppio rispetto al nuovo fabbisogno netto, cosa che potrebbe creare ulteriori pressioni su un mercato già di per sé teso. Diverso il discorso per Francia, Spagna e Italia, dove tuttavia l’Eurotower contribuirà a coprire una parte significativa dell’ammontare collocato. Fra nuovi acquisti (24 miliardi circa) e quanto serve a sostituire titoli scaduti e reinvestire cedole (quasi 34 miliardi) la mano di Francoforte ritirerà quasi un quarto (24%) dei circa 240 miliardi che in base alle stime di UniCredit il Tesoro italiano dovrebbe complessivamente mettere in circolo il prossimo anno: una mano «amica».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il caso Unicredit-Mps, che ha posto le premesse per il passo indietro dell’ad Jean Pierre Mustier ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con il lockdown la richiesta di digitalizzazione dei servizi finanziari è aumentata e le banche han...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Credito Valtellinese ufficializza il team di advisor che aiuterà la banca nel difendersi dall’...

Oggi sulla stampa