Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, verso l’accordo tra Poste e banche

Si consolida per Alitalia l’ipotesi di una midco , una società intermedia tra la vecchia holding e la nuova compagnia di cui Etihad acquisterebbe il 49%. Ieri sera una conference call tra Unicredit, Intesa e Atlantia avrebbe valutato di accettare la proposta dell’ad Francesco Caio, a patto che questo comporti una maggiore partecipazione all’aumento di capitale da 250 milioni, rispetto ai 40 che sarebbero spettati a Poste. L’esborso di cui si era già parlato nei giorni scorsi potrebbe arrivare a 70 milioni. Per oggi è attesa la risposta di Caio. Contro si è schierata l’associazione dei consumatori Adusbef, presentando un esposto all’Antitrust Ue per aiuti di Stato e uno alla Corte dei conti per danno erariale. 
Intanto si ridimensiona il potenziamento di Linate nel piano di Etihad per Alitalia. Dallo scalo milanese partiranno nuovi voli ma solo per destinazioni europee e nei limiti degli attuali movimenti. La decisione finale non è stata ancora presa: la convocazione di tutti i vettori che oggi gravitano sull’aeroporto cittadino, che era stata fissata per venerdì scorso, è saltata. Ma un primo giro di tavolo tra i soggetti più coinvolti avrebbe fatto emergere una considerazione: cambiare il decreto Bersani che attualmente regola il traffico sullo scalo non è semplice. L’idea originale di Etihad era quella di aumentare la capacità dell’aeroporto e sostituire gli attuali voli di Alitalia sulla Linate-Fiumicino con voli extraeuropei, oggi non consentiti. Si era parlato di destinazioni come Zurigo, Mosca, e addirittura Abu Dhabi, primo hub della compagnia emiratina. Ma una decisione di questo tipo avrebbe comportato un cambiamento radicale del decreto e i ricorsi delle compagnie allocate su Linate.
Di qui l’idea di ridimensionare il piano: i movimenti su Linate resterebbero gli attuali, 18 all’ora, e i voli Linate-Fiumicino verrebbero sostituiti da voli europei. L’unica novità è che sarebbe consentito effettuarne verso città che non sono capitali. L’intenzione di Etihad sarebbe quella di sferrare un colpo alla tedesca Lufthansa introducendo voli per Amburgo e Stoccarda, oltre a Berlino.
Intanto il governo si muove con il decreto Sblocca-Italia, che dovrebbe andare all’esame nel Consiglio dei ministri di giovedì, e che conterrebbe l’estensione dal 2015 al 2017 dei «bonus fiscali» sulle indennità di volo percepite da piloti e assistenti. Emolumenti che non verrebbero conteggiati nello stipendio come base per il calcolo dei contributi.
Quanto ai negoziati in corso, il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, si è detto ottimista puntando su una conclusione in settimana, anche se per ora non trovano conferma voci di un arrivo a Roma del ceo James Hogan. Restano tesi i rapporti tra i sindacati: ieri il leader della Cgil Susanna Camusso ha attaccato la Uil che contesta l’accordo che riduce il costo del lavoro e sul cui referendum non c’è stato quorum . «Penso che i temi che sta proponendo abbiano un carattere molto corporativo». La Uil non ha replicato, aspettando che l’azienda spalmi i 31 milioni di risparmi su più mesi. Lupi si è detto pronto a entrare in campo se «non dovesse esserci uno sblocco». «Se si riapre un confronto, si riapre su tutto» ha avvertito Camusso, che non ha firmato l’accordo sugli esuberi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa