Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, trattativa in salita

Prosegue in salita la trattativa fra Delta e Ferrovie dello stato per rilanciare Alitalia, dopo il ritiro di easyJet dalla gara. La compagnia aerea americana resta comunque interessata e ha annunciato che «sono ancora in corso le discussioni, Alitalia è un partner di Delta da molto tempo».La decisione di easyJet è stata presa dopo le discussioni sulla possibilità di formare un consorzio per esplorare opzioni su operazioni relative ad Alitalia. La low cost inglese ha assicurato che resta impegnata in Italia, dove attualmente trasporta 18,5 milioni di passeggeri ogni anno e impiega 1.400 tra piloti ed equipaggio, tutti con contratti nazionali. Tanto che la società inglese continuerà a investire nelle tre basi di Milano, Napoli e Venezia, come aveva fatto la scorsa estate.

Il ritiro di un partner come easyJet complica il buon esito dell’operazione fortemente voluta dal ministero dello sviluppo economico, visto che la quota che doveva rilevare nella nuova Alitalia dovrà essere rimpiazzata da altri soci ancora da trovare. Secondo fonti di mercato, la quota che Fs avrà della nuova Alitalia sarà al massimo del 30%. Quindi l’esposizione di Fs nella compagnia italiana in amministrazione straordinaria non salirà oltre questa soglia per attutire il colpo dell’uscita di scena di easyJet, né per compensare la quota di Delta che ora si aggira intorno al 10%.

Mediobanca, advisor di Ferrovie, sarebbe al lavoro per cercare di aumentare la partecipazione di Delta, anche se è comunque destinata a raddoppiare prima del termine del piano quadriennale. Gianfranco Battisti, a.d. di Fs, è rientrato a Roma dopo un negoziato con Ed Bastian, a.d. di Delta. Il risultato ottenuto dal manager è positivo, ma rischia di essere insufficiente alla luce della mossa di easyJet. Se la partecipazione azionaria di Fs non andrà oltre il 30% della nuova Alitalia, Delta si fermasse solo al 10% e il Tesoro al 15% con la conversione del prestito ponte, l’obiettivo del vicepremier Luigi Di Maio sarebbe lontano dall’essere raggiunto.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa