Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, l’offerta tedesca

È durato più di sette ore l’incontro tra i commissari straordinari di Alitalia (Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari) e una delegazione di alto livello di Lufthansa, svoltosi in uno studio legale di Roma. Al centro del confronto c’era l’offerta presentata dalla compagnia tedesca per la parte aviation di Alitalia, che secondo indiscrezioni, riguarda una flotta di 100 aerei, con 6 mila dipendenti, per un valore di 200-250 milioni di euro. Voci di mercato su Lufthansa che, peraltro, Alitalia ha bollato come «prive di fondamento».

Il confronto avvenuto ieri, sottolinea il vettore italiano, «si inserisce nel normale quadro di incontri che i commissari stanno avendo con tutti i soggetti che abbiano manifestato interesse per l’acquisizione delle attività aziendali facenti capo ad Alitalia. I commissari straordinari proseguiranno il confronto con tutti i soggetti interessati con l’obiettivo di trovare la soluzione migliore per il futuro della compagnia».

Lufthansa non è l’unico soggetto con cui i commissari stanno dialogando: nel suo viaggio negli Stati Uniti, Gubitosi avrebbe incontrato anche rappresentanti del fondo Cerberus, che aveva annunciato un interesse per rilevare l’intera Alitalia. Anche se il fondo americano non aveva presentato un’offerta entro i termini previsti, i commissari hanno fatto sapere di essere disponibili a valutare proposte significative, visto che il loro obiettivo è tutelare l’integrità aziendale.

La compagnia si siede al tavolo con i potenziali acquirenti forte di una gestione commissariale che sta dando i primi risultati: per esempio, risparmi per 140 milioni di euro, un ebitda del secondo semestre in sostanziale pareggio e i ricavi per passeggero che per la prima volta risultano in aumento. Si sono inoltre allungati i tempi per la vendita, mentre Alitalia ha ancora in cassa 850 dei 900 milioni del prestito ponte del governo: il termine per la scelta dell’acquirente è stato spostato al mese di aprile.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa