Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia ha liquidità per 620 milioni

L’emergenza cassa è rientrata e con 617,9 milioni di liquidità Alitalia in amministrazione straordinaria può proiettarsi oltre la stagione estiva per l’offerta di nuovi collegamenti: lo hanno riferito i tre commissari, Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari, ieri in audizione in commissione Lavori pubblici al Senato.
In particolare del prestito ponte da 600 milioni è stata finora erogata la prima tranche da 240 milioni che per 120 milioni è stata utilizzata come deposito di garanzia, su richiesta dalla Iata, per la partecipazione al sistema di pagamento dei biglietti utilizzato dagli operatori del settore. Le uscite sono state compensate dalle operazioni di efficientamento, e il risultato è che Alitalia ha 257,9 milioni in cassa e 360 milioni assegnati, anche se sono ancora depositati presso il ministero.
Acquisite 33 manifestazioni di interesse che, come hanno spiegato i commissari «provengono da realtà molto variegate», sono state inviate ai legali le valutazioni, e si stima che dopo la scrematura a metà della prossima settimana saranno tra 10 e 15 quelle che saranno ammesse alla “data room “ che sarà aperta entro la fine della prossima settimana e resterà accessibile fino a metà luglio. Per il piano dell’amministrazione straordinaria sono tre le ipotesi in campo; quella della ristrutturazione, della cessione complessiva della compagnia e della cessione di singoli asset. «Dalle risposte contenute nelle manifestazioni di interesse presentate dai principali operatori di mercato – ha spiegato Laghi – avremo indicazioni. Saremo poi noi a scegliere e l’orientamento è quello di mantenere l’unitarietà dell’azienda che rappresenta una priorità».
Si passerà poi alla presentazione delle offerte non vincolanti (entro luglio), che saranno oggetto di una valutazione con un’eventuale gara, per arrivare alle offerte vincolanti (entro ottobre). Sempre a luglio è atteso anche il piano industriale, in cui verrà definito il posizionamento della compagnia: «Alitalia è orientata in larga prevalenza sul mercato domestico dal quale arrivano 13 milioni sui 22 milioni di passeggeri annui», ha spiegato Paleari che ha prefigurato anche un probabile potenziamento del lungo raggio che «presenta margini di crescita significativi ed ha un valore strategico per il Paese».
In questa strategia è essenziale che l’asticella dei ricavi resti alta: a maggio il fatturato si è attestato a 250 milioni di euro, sopra dunque ai 240 milioni dell’anno precedente, complice la ripresa delle prenotazioni dopo la brusca frenata inziale. «Abbiamo lanciato una campagna pubblicitaria più aggressiva rispetto al passato sulle Tv – ha spiegato Gubitosi -, a costo zero per le casse della compagnia, pagata con i biglietti usati come cambio merce». In parallelo i commissari stanno operando una revisione complessiva della struttura dei costi con l’obiettivo di portare il costo per ora volata ai livelli dei competitor: la chiusura anticipata dei derivati sull’hedging del carburante, grazie ai poteri straordinari concessi ai commissari, ha prodotto 100 milioni di risparmi una tantum, nel frattempo è in corso la rinegoziazione delle forniture e dei leasing aerei. Ma lo stesso Gubitosi, congedandosi dalla commissione al Senato ha puntualizzato: «non vorrei dare l’impressione che è fatta, perchè il quadro resta ancora molto difficile, anche se non impossibile».
Tra le novità di ieri, la proroga contrattuale fino ad ottobre decisa da Assaereo (l’associazione datoriale cui aderisce Alitalia) con i sindacati di categoria e le associazioni professionali, che conferma gli attuali trattamenti economici e normativi applicati in Alitalia e Cityliner fino alla conclusione della stagione estiva. Ma una delle incognite è rappresentata dalle proteste promosse dai sindacati di base. Domani si terrà lo sciopero generale di 24 ore (con le fasce di garanzia 7-10 e 18-21) di Cub trasporti e Alitalia ha attivato un piano straordinario per limitare i disagi e riproteggere sui primi voli disponibili il maggior numero di passeggeri coinvolti dalle cancellazioni (la lista dei voli cancellati è sul sito della compagnia).

Giorgio Pogliotti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa