Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, fiducia su vendita intera

Il commissario di Alitalia, Luigi Gubitosi, è fiducioso, anche se prudente, sulla possibilità che la compagnia aerea venga venduta per intero. «Assolutamente sì», ha risposto, «ma è molto preliminare commentare su offerte che abbiamo appena ricevuto». Gubitosi ha incontrato il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda.

Concetto che è stato ribadito dal ministro dei trasporti Graziano Delrio: «Il governo, alla luce delle 32 manifestazioni d’interesse per Alitalia, ribadisce che la sua priorità è che la società venga ceduta in blocco e non attraverso un suo frazionamento in più segmenti».

Il commissario ha annunciato che le 32 offerte pervenute saranno esaminate velocemente: «È presto per dare una valutazione, è arrivato un numero elevato di offerte, le esamineremo una per una per vedere la consistenza. Abbiamo deciso con il ministro di mantenere la totale riservatezza. La prossima fase è proprio l’esame delle numerose offerte che sono arrivate, guardandole una per una per verificare la serietà e i requisiti di chi le ha fatte. Dopodiché decideremo chi ammettere alla data room. I prossimi giorni saranno dedicati alla selezione e all’interazione con le controparti. Ci dedicheremo a valutare i dossier».

Intanto la compagnia intende ricorrere alla cassa integrazione straordinaria per 1.358 addetti, di cui 311 (tutti del personale di terra) a zero ore: lo ha riferito il segretario nazionale della Filt Cgil, Nino Cortorillo, al termine dell’incontro con l’azienda al ministero del lavoro. «Per quanto riguarda il personale navigante la Cigs è a rotazione, da un massimo di cinque giorni al mese a un minimo di 1,5 giorni, e riguarda 190 piloti e 340 assistenti di volo. Per il personale di terra la cassa riguarda 828 addetti. Alcuni settori, come il check-in e il ground, non prevedono cassa integrazione a zero ore, mentre in altri settori e in misura molto diversa l’azienda vorrebbe mettere in cassa integrazione a zero ore 311 dipendenti. In linea di massima la proposta non ci sembra accettabile, visto che la cassa integrazione a zero ore concentrata in alcuni settori si tradurrebbe in esuberi veri e propri».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa