Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, easyJet va avanti sui negoziati con Fs-Delta

Il futuro di Alitalia tiene banco tra i grandi d’Europa. La sorte della sofferente compagnia ha catalizzato l’attenzione al vertice annuale delle maggiori compagnie europee a Bruxelles.
All’incontro di A4E (Airlines for Europe), l’associazione di 30 compagnie che rappresentano più del 70% del traffico passeggeri in Europa, si è parlato del forte aumento dei ritardi dei voli in Europa nel 2018 («l’anno peggiore, con 900 milioni di minuti di ritardo per i passeggeri», ha detto Willie Walsh, a.d. di Iag) e delle strozzature causate soprattutto dalla mancanza del cielo unico europeo nel controllo del traffico. Ma l’attenzione era alta anche sul piano di salvataggio di Alitalia. Questo è stato al centro anche di un incontro a Roma al ministero dell’Economia, cui ha partecipato l’a.d di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti, insieme ai commissari di Alitalia.
L’a.d. di easyJet, Johan Lundgren, ha confermato che vanno avanti i colloqui con Fs e Delta su Alitalia, ma non ha fretta di concludere, mentre ogni giorno la compagnia brucia cassa e accumula nuove perdite di gestione. «Siamo impegnati con Ferrovie e con Delta in discussioni per vedere se c’è una soluzione. Dobbiamo vedere se potrebbe funzionare per noi. Non vogliamo disperatamente fare un accordo»’, ha puntualizzato. Alla domanda se easyJet sia disponibile a prendere una quota del 10-15% nell’ipotizzata ‘’newco” Alitalia, Lundgren si è schermito: «Non posso dirlo. So che siamo noiosi con queste risposte… Per noi ogni transazione, compresa questa, deve soddisfare tre condizioni: 1. deve essere strategicamente giusta; 2. deve essere giusta dal punto di vista commerciale; 3. deve essere gestibile dal punto di vista operativo». Alla domanda se c’è un termine per prendere una decisione su Alitalia, Lundgren ha risposto: «No».
La low cost si sta anche preparando alla Brexit. Non si sa ancora se ci sarà un accordo sul traffico aereo per regolare i rapporti tra Gran Bretagna e Ue dopo il 29 marzo. Tuttavia Lundgren è «fiducioso che easyJet non subirà conseguenze negative sui diritti di traffico». Intanto la compagnia ha già trasferito «quasi 130 aerei» alla nuova filiale creata in Austria, per avere più libertà d’azione nei voli intra-Ue. Sono state trasferite in Austria «quasi 4mila licenze di piloti». Lundgren ha affermato che easyJet rispetterà anche il vincolo di avere il 50% del capitale più un’azione detenuta da soci della Ue: «Nell’ultima comunicazione siamo arrivati al 49% di soci della Ue, due punti in più della precedente. Rispetteremo questo vincolo».
Lufthansa, esclusa dalla trattativa su Alitalia, almeno per ora, conferma l’interesse su Alitalia e mostra disappunto per l’ipotesi in discussione di un salvataggio con Delta e easyJet. «Alitalia ha bisogno di essere ristrutturata per risanarsi», ha detto Carsten Spohr, a.d. di Lufthansa. «Ha bisogno di un partner forte, che migliori la sua connettività, non solo sul NordAtlantico, ma anche con l’Asia e con l’Africa, che e’ un bel posto. Fiumicino è un ottimo aeroporto, può essere aggiunto a Lufthansa come quinto hub. Ma per poter fare questo abbiamo bisogno di un sostegno politico».
Lufthansa ha sempre detto che se dovesse entrare in Alitalia non sarebbe disposta ad avere lo Stato come azionista. Sarebbe disposta ad avere una società pubblica come Ferrovie? «Questa non e’ una cosa che posso discutere in pubblico» ha risposto Spohr.
«Allo stato Luftansa non ha ribadito interesse per l’operazione Alitalia» ha confermato ieri il vicepremier e ministro dello sviluppo e del lavoro Luigi Di Maio rispondendo in question time. «La negoziazione tra Fs e Delta ed easyJet – ha aggiunto – è tuttora in corso e ci aspettiamo si concluda positivamente entro il 31 marzo».

Gianni Dragoni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa