Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, conti migliori I commissari al ministero

«Non sono in discussione i commissari ma i conti», dice Giulia Lupo, senatrice 5 Stelle ed ex assistente di volo che risponde così al commissario Alitalia Luigi Gubitosi che sul Corriere domenica ha invitato il governo ad «una scelta» per decidere il futuro della nostra compagnia di bandiera. «I conti dovranno essere trasmessi entro il mese di agosto — spiega la senatrice grillina —, ma Gubitosi potrà rendersi maggiormente utile anticipando tale termine al fine di consentire al nostro team di esperti di ottimizzare il piano di rilancio dell’Alitalia, nell’interesse dell’azienda e dei cittadini tutti». E conclude: «Mi sento di rassicurare tutti sulla priorità del tema Alitalia, sia personale che del governo tutto». Una priorità che potrebbe essere affrontata già in settimana quando i tre commissari straordinari — Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari — saranno ricevuti al ministero dello Sviluppo economico. Ma intanto ieri l’azienda ha diffuso nuovi dati su ricavi e passeggeri confermando il trend di crescita dei primi mesi dell’anno quando l’aumento nel primo trimestre era stato del 6,4%. Nel giugno 2018 i ricavi sono aumentati del 10,6% rispetto al giugno 2017, e nel secondo trimestre del 7,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E anche il numero di passeggeri segna un +1,7% rispetto al giugno 2017 con oltre due milioni di persone trasportate. La crescita maggiore è stata nei viaggi a lungo raggio sui quali la gestione commissariale sta puntando e che hanno registrato un incremento dell’11,4% con 265.086 passeggeri. E sembra pagare anche la scelta dell’«Alitalia Shuttle» Milano-Londra, lanciato ad inizio aprile e dedicato soprattutto al traffico business: nel trimestre aprile-giugno 2018 la navetta che collega l’areoporto di Linate con London City e Heathrow ha registrato un incremento di viaggiatori del 25,9% con ricavi in crescita dell’11,8%. Un risultato positivo che spingerà la compagnia ad inaugurare nuovi «Shuttle» su tratte nazionali e internazionali con maggiori frequenze giornaliere, ampi volumi di traffico e una clientela soprattutto business. E anche nel gennaio-giugno 2018, Alitalia si «conferma come la compagnia più puntuale in Europa e quarta al mondo con l’85,1% dei voli in orario». Tutti numeri di cui il governo non potrà non tenere conto.

Claudia Voltattorni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa