Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Alitalia, Colaninno torna compratore

di Antonella Baccaro

ROMA — Alitalia s'allarga e annuncia l'integrazione con due altre compagnie, Blue Panorama e Wind Jet, estendendo così la propria attività al leisure (Blue Panorama) e rafforzando il settore low cost (Wind Jet e Blu Express) che oggi fa capo a Air One. Il consiglio di amministrazione ieri ha avviato un processo destinato a completarsi nei prossimi sei mesi, dunque oltre il mandato dell'attuale board, presieduto da Roberto Colaninno, che scadrà dopo la primavera.
I dettagli dell'operazione non sono stati annunciati ma è ipotizzabile un aumento di capitale dedicato con apporto di asset da parte dei due nuovi soggetti e scambio azionario. Necessario il passaggio dall'Antitrust, cui già due giorni fa l'integrazione è stata annunciata. Se andrà in porto, l'operazione è destinata a conferire a Alitalia che oggi, presidia una fetta del 20% del mercato italiano, un'ulteriore quota, insidiata ormai solo dalle low cost dopo il venir meno di Lufthansa Italia e dei piccoli vettori: da Myair a AirAlps, a Alpi Eagles, a Livingston che hanno portato i libri in tribunale. Sul mercato rimarrebbe solo Meridiana Fly che, nel luglio scorso, si è integrata con Air Italy, affrontando un piano di ristrutturazione duro che porterà domani a uno sciopero di 24 ore dei piloti.
E' possibile che Alitalia e le altre due compagnie si sovrappongano su diverse rotte nazionali, l'Antitrust vigilerà affinché l'operazione, laddove crei un monopolio per Alitalia non comporti un eccessivo rialzo delle tariffe.
L'operazione non cancellerà i marchi di Wind Jet e Blu Panorama, nè farà venir meno le licenze, non dovrebbero esserci neppure esuberi nell'immediato: le due compagnie minori contano circa 500 dipendenti per una.
Qual è la strategia dell'amministratore delegato, Rocco Sabelli? Diversificare, probabilmente guadagnare di più allargando il proprio mercato, in assenza di novità sul piano dell'alleanza con Air France e del consolidamento che era atteso per quest'anno ma non ci sarà.
Basata a Roma Fiumicino e Milano Malpensa, Blue Panorama, fondata nel 1998 da Franco Pecci (la società fa capo a una srl posseduta al 51% da Pecci e per il resto da una finanziaria lussemburghese) opera servizi di linea e charter: intercontinentali con il marchio Blue Panorama e di corto e medio raggio come Blu-Express. Nel 2011 Blu Panorama ha trasportato circa 2 milioni di passeggeri con una flotta di 12 aeromobili Boeing di cui 6 wide body (seconda flotta italiana di lungo raggio), prevalentemente in leasing. La società ha chiuso il 2010 con un utile di esercizio di 48.384 euro.
Wind Jet è stata fondata nel 2003 da Antonino Pulvirenti che la controlla attraverso Finaria. Oggi è la sesta compagnia aerea per quota di mercato domestico (6,2% nel 2011), con basi operative a Catania, Palermo e Rimini e una flotta di 12 aeromobili Airbus, prevalentemente in leasing, adibiti al trasporto di linea e oltre 2,8 milioni di passeggeri trasportati nel 2011. Il bilancio 2010 si è chiuso con una perdita di 3,1 milioni.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa