Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Al via la cessione del credito di imposta sulle locazioni

Da domani anche gli intermediari potranno effettuare gli invii delle comunicazioni per la cessione dei crediti d’imposta per le locazioni.

Come è in grado di anticipare ItaliaOggi infatti, da domani 15 luglio 2020 anche gli intermediari potranno inviare per conto dei propri clienti il modello di comunicazione della cessione dei crediti d’imposta per le locazioni modalità fino a ora concessa esclusivamente ai contribuenti. Intanto l’Agenzia delle entrate ieri ha pubblicato la risoluzione 39/20 con cui ha istituito i codici tributo per procedere alla compensazione dei bonus, «6914» e «6920» nel modello F24.

Dal 13 luglio scorso infatti era già possibile procedere con l’invio delle istante ma unicamente con la modalità di invio «fai-da-te» concessa ai singoli contribuenti e si attendeva appunto, come indicato nel provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 1 luglio scorso che stabiliva la modalità di attuazione delle disposizioni relative alla cessione dei crediti per le locazioni, la data di via libera anche per le trasmissione dei modelli tramite intermediari.

Si presuppone che gli intermediari potranno intervenire sui due fronti, operando sia per conto del cedente, inviando le relative comunicazioni, sia del cessionario, esprimendo il consenso per l’accettazione del credito acquisito. I crediti relativi alle locazioni che possono essere ceduti ai sensi dell’articolo 122 comma 2 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (il decreto rilancio) sono due:

– il credito d’imposta per botteghe e negozi, di cui all’articolo 65 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (il decreto Cura Italia);

– il credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda, di cui all’articolo 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (il decreto Rilancio).

A partenza alternata invece la cessione dei crediti per l’adeguamento ambienti di lavoro e per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione.

Mentre per il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro (di cui all’ articolo 120 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, il decreto Rilancio), come indicato nel provvedimento del 10 luglio scorso infatti, l’invio del modello per la comunicazione della cessione del credito potrà avvenire a decorrere dal 1° ottobre 2020, per la cessione di quello concesso per sanificazione e acquisto dei dispositivi di protezione (di cui articolo 125 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34) bisognerà attendere invece il giorno successivo la pubblicazione di un ulteriore provvedimento dell’Agenzia delle entrate da emanarsi entro l’11 settembre prossimo.

Dopo l’invio delle istanze, come stabilito per la cessione dei crediti d’imposta derivanti dai «bonus» sulle locazioni, anche per la cessione di quelli per l’adeguamento degli ambienti e la sanificazione (ex articoli 120 e 125 del decreto legge 34/2020) è prevista una fase di accettazione del cessionario.. Se infatti la comunicazione della cessione è a cura unicamente del soggetto cedente «con le funzionalità rese disponibili nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate», il cessionario, da parte sua e con le stesse funzionalità, è obbligato infatti a comunicare l’accettazione del credito ceduto prima di procedere al suo utilizzo.

Ai sensi dell’articolo 122, comma 4, del decreto-legge n. 34 del 2020, in caso di cessione dei crediti d’imposta sia per le locazioni sia per adeguamento ambienti e sanificazione, restano fermi i poteri dell’amministrazione finanziaria relativi al controllo della spettanza dei crediti medesimi e all’accertamento e irrogazione delle sanzioni nei confronti dei beneficiari originari sia in capo al beneficiario originario per l’esistenza dei presupposti, sia in capo ai cessionari per l’utilizzo del credito in modo irregolare o in misura maggiore rispetto all’ammontare ricevuto in sede di cessione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Mentre Intesa Sanpaolo corona l’acquisizione di Ubi prepara già un futuro europeo, prossimo e poc...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A seguito del protocollo di collaborazione siglato con Sace per sostenere la liquidità delle impres...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo 12 anni ininterrotti al timone (e 18 nella banca), Victor Massiah lascia il comando di Ubi. Le ...

Oggi sulla stampa