Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Al debutto in Italia Google Pay, l’app per i pagamenti che sfida Apple

Mai più senza Google. D’ora in avanti banche e operatori del credito per quanto riguarda i sistemi di pagamento dovranno confrontarsi con il big tech più noto al mondo. Da ieri con Google Pay il colosso americano ha messo il suo piede (è già operativo in 24 Paesi) nel mondo della finanza e dei risparmi anche in Italia. Nelle intenzioni di Google non c’è quella di sostituirsi al mondo bancario (almeno per ora) ma solo di dare più servizi ai clienti e la strada che ha scelto è quella di stringere partnership con primari gruppi.

L’accesso a Google Pay sarà possibile solo tramite le carte di credito di operatori misti come Banca Mediolanum e Widiba, banche tradizionali come quelle legate al circuito Nexi (la ex CartaSi) ma anche soluzioni di pagamento innovative come Boom e Hype (del Gruppo Banca Sella) e banche mobile come N26 e Revolut. In arrivo anche la più diffusa banca territoriale come Poste e Iccreea.
Tra alcuni plus di Google c’è il fatto che non applicherà fee ai negozianti e rivenditori. E lo stesso trattamento ha chiesto ai suoi partner, vale a dire di non applicare fee aggiuntive ai clienti. Sul tema ricavi da quest’attività è arrivato un secco “no comment” dalla società ma come sappiamo tutto è business e niente si fa per niente. Ciò che caratterizza Google è quello di puntare alla creazione di una piattaforma aperta e a non fare concorrenza diretta alle banche italiane ma piuttosto creare sinergie. La presenza di Google è uno dei tanti effetti dell’arrivo a gennaio della Psd2 che ha liberalizzato il mondo dei pagamenti e dei servizi.
«Con Google Pay si completa oggi l’offerta nell’ambito dei sistemi di pagamento in mobilità, rendendo disponibile ai clienti tutti i servizi su tutte le carte di credito, di debito e prepagate» ha commentato Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum. «Abbiamo fatto dell’innovazione – aggiunge – la nostra strategia vincente, affinché i clienti possano sempre usufruire degli strumenti migliori». «Con Google Pay – ha aggiunto Antonio Valitutti, responsabile di Hype – vogliamo aggiungere un ulteriore importante punto di forza alla varietà di soluzioni di pagamento e gestione del denaro che mettiamo a disposizione dei clienti di Hype».
Il nuovo sistema permette di gestire le carte di credito/debito direttamente nell’account Google, consentendo di pagare in sicurezza su app, siti web, nei negozi che supportano i pagamenti contactless e su tutte le property Google (Google Play e YouTube). Agli utenti Android bastano pochi secondi sia per connettersi sia per fare pagamenti. Per iniziare è sufficiente scaricare l’app Google Pay e aggiungere una carta di credito, di debito o prepagata (Maestro, MasterCard, Visa) emessa dalle banche partner. In alternativa si può attivare il servizio anche direttamente nell’app di mobile banking della propria banca. Poi, al momento di pagare, basterà attivare lo schermo del telefono e appoggiarlo al terminale per fare il pagamento contactless. Anche con Google Pay ci si muove in un ambiente protetto: quando l’utente fa un pagamento, le transazioni si svolgono usando un numero di carta virtuale, per cui il numero di carta reale resta protetto.

Lucilla Incorvati

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa