Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Agli avvocati compensi sotto i vecchi minimi

Si abbassano i compensi minimi che i giudici possono liquidare agli avvocati. Viceversa, le nuove soglie massime delle parcelle – nei fatti però difficilmente raggiungibili – superano quelle delle vecchie tariffe.
È questo lo scenario con cui i legali si confrontano dallo scorso 23 agosto, data in cui è partita ufficialmente l’applicazione dei «parametri» stabiliti dal ministero della Giustizia con il decreto 140/2012. Una situazione che però potrebbe essere in evoluzione, dopo la disponibilità a rivedere i nuovi importi data venerdì dal ministro della Giustizia, Paola Severino. Si tratta, in pratica, dei valori di riferimento che i giudici possono utilizzare per calcolare i compensi dei professionisti (non solo quelli degli avvocati) quando manca l’accordo con i clienti. Indici, quindi, che si dovrebbero applicare solo in situazioni-limite. Ma che, dopo l’abrogazione delle tariffe, decisa dal decreto legge sulle liberalizzazioni (1/2012), sono rimasti, di fatto, l’unico punto di riferimento per stabilire il valore della prestazione professionale. E gli importi, rispetto a quelli dei vecchi tariffari, in alcuni casi cambiano in modo sensibile.
Lo dimostrano le simulazioni di applicazione dei nuovi parametri, a confronto con le vecchie tariffe, pubblicate qui a fianco. Si tratta di quattro casi specifici, elaborati sulla base delle pratiche che ricorrono più di frequente negli studi, e che spaziano dal processo civile a quello penale a quello tributario fino all’esecuzione. Perlopiù, i compensi minimi che i giudici possono liquidare agli avvocati sulla base dei nuovi parametri scivolano al di sotto dei minimi calcolati con i vecchi tariffari: nella simulazione, per esempio, la difesa di fronte al giudice di pace – che include la fase di studio, introduttiva e decisoria – potrebbe “valere” per l’avvocato 300 euro minimi in base ai parametri, mentre in base alle vecchie tariffe avrebbe potuto portare a una liquidazione minima di 992 euro.
Se il minimo, con i parametri, scende, il massimo, al contrario, a volte sale. Lo dimostra, per esempio, il caso della difesa nel processo penale: a fronte di una liquidazione massima con le tariffe di 1.761 euro, oggi all’avvocato potrebbe spettare un compenso fino a 1.875 euro. Scarsa consolazione per gli avvocati. «L’innalzamento dei massimi non ci interessa – afferma Andrea Mascherin, consigliere segretario del Consiglio nazionale forense –: è chiaro che le valutazioni delle prestazioni da parte dei giudici cambiano caso per caso, ma, in generale, è raro che i compensi siano liquidati al massimo».
Piuttosto, a preoccupare gli avvocati è, in generale, la compressione degli importi dei parametri, denunciata in un documento elaborato dall’ufficio studi del Consiglio nazionale forense e consegnato nei giorni scorsi al ministro Severino. In particolare, i legali hanno messo l’accento sulla cancellazione dei «diritti» (voci di compenso che erano presenti nelle tariffe), sul mancato adeguamento all’indice Istat per il periodo 2009-2012 e sull’eliminazione del rimborso per le spese generali che, nel tariffario, era calcolato in modo forfettario al 12,5 per cento. Non solo: «È vergognoso – attacca Mascherin – anche l’abbattimento degli onorari per il patrocinio a spese dello Stato: questa scelta rischia di scoraggiare i difensori e penalizzare i cittadini più deboli».
Gli avvocati, quindi, non ci stanno: «Siamo pronti – dice Mascherin – a impugnare il decreto sui parametri di fronte al Tar Lazio. Ma se le nostre osservazioni verranno accolte lasceremo perdere il ricorso».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa