Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Agevolazioni alle imprese, si parte con l’Inail e il bando Simest

Giugno , le scadenze per le imprese dalla finanza agevolata sono numerose: dagli incentivi per l’internazionalizzazione a quelli per le start up, fino agli incentivi per la sostituzione di macchinari e a quelli per la liquidità.

Bando Inail: utile anche per cambiare macchinari obsoleti

Le aziende hanno la possibilità di richiedere un contributo a fondo perduto per un ammontare del 65% partecipando al bando Inail, rivolto a quelle imprese che decideranno di investire nel miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il bando sarà attivo dal 1° giugno al 15 luglio. Da evidenziare, ad esempio, che la sostituzione di macchinari obsoleti con macchinari nuovi è un intervento per la sicurezza.

Simest per l’internazionalizzazione

Da oggi 3 giugno riapriranno i bandi Simest. Prevedono contributi a fondo perduto fino al 25% della spesa e un finanziamento a tasso agevolato per la differenza.

Sono ammessi progetti riguardanti la partecipazione a fiere internazionali, programmi di inserimento sui mercati esteri, l’acquisizione dei servizi di un temporary export manager, la realizzazione di investimenti in ambito e-commerce, la realizzazione di studi di fattibilità e l’assistenza tecnica all’estero. I fondi sono disponibili per tutte le imprese a prescindere dalla dimensione.

Il bando prevede il solo finanziamento agevolato per interventi per la patrimonializzazione delle imprese.

Moratoria solo con nuova richiesta

Le imprese che hanno già presentato domanda di sospensione devono, ora, presentare una nuova domanda al soggetto finanziatore entro il 15 giugno. In questo modo, possono prorogare la moratoria fino al 31 dicembre.

La moratoria vale però solo sulla quota capitale ove applicabile, ovvero solo sulla parte della rata finalizzata a restituire l’importo accordato.

Finanziamenti fino a 30mila euro con garanzia 100%

Scade il 30 giugno la possibilità di chiedere il finanziamento con la garanzia dello stato al 100 per cento. Dopo quella data si abbassa, passando al 90 per cento.

Inoltre, a decorrere dal 1° luglio , per i finanziamenti con copertura al 90%, può essere applicato un tasso di interesse diverso da quello previsto nel periodo precedente.

Finanziamenti superiori a 30mila euro fino al 30 giugno

I finanziamenti fino a 72 mesi sono concessi con garanzia del 90 per cento.

Finanziamenti di importo superiore a 30mila euro

Dal 1° luglko la durata dei finanziamenti può aumentare a 120 mesi, previa notifica e autorizzazione Ue, ma la garanzia scende fino all’80 per cento. Per le operazioni finanziarie aventi durata non superiore a 72 mesi e già garantite dal Fondo, nel caso di prolungamento della durata dell’operazione accordato dal soggetto finanziatore, può essere richiesta la pari estensione della garanzia (all’80%), fermi restando il periodo massimo di 120 mesi di durata dell’operazione finanziaria e la connessa autorizzazione della Commissione europea.

Smart money

Prevede due tipi di intervento a favore delle start up innovative. Il primo è un contributo a fondo perduto, concesso per un importo massimo di 10mila euro, a copertura fino all’80% delle spese ammissibili che possono essere relative all’acquisizione di servizi finalizzati ad accelerare e facilitare la realizzazione di un determinato progetto di sviluppo.

Il secondo prevede un contributo a fondo perduto pari al 100% dell’investimento nel capitale di rischio, nel limite di 30mila euro. Il contributo è erogato a fronte dell’investimento nel capitale dell’impresa operato da un attore dell’ecosistema dell’innovazione.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La nuova autorità nasce il mese prossimo con l'obiettivo di colpire i traffici illeciti. Leggi ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alle imprese italiane che hanno fatto ricorso alle moratorie previste dall’articolo 56 del decret...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una spinta, sia pure indiretta, a una più complessiva riforma della riscossione (cui peraltro il G...

Oggi sulla stampa