Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Agenzia delle entrate, è scontro

Resa dei conti tra i vertici dell’amministrazione finanziaria. Nello scontro sempre più esacerbato tra Enrico Zanetti, sottosegretario del ministero dell’economia, e Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle entrate, interviene il ministero dell’economia, guidato da Pier Carlo Padoan mettendo sotto la sua ala l’operato dell’Agenzia delle entrate e assumendosi la paternità della rinnovata azione dal governo nel contrasto all’evasione fiscale.

In una nota, ieri, il ministero dell’economia è intervenuto per rispondere alle accuse di Rossella Orlandi che, intervenuta in veste di direttore dell’Agenzia delle entrate a un convegno della Cgil di venerdì scorso, aveva usato toni aspri nei confronti delle misure previste nella legge di Stabilità e sul futuro delle Agenzie fiscali: «Il comparto delle agenzie fiscali è scomparso dalla contrattazione, ed è questo che porterà alla fine del sistema delle Agenzie». Per il numero uno del Fisco italiano è necessario «riaprire il ragionamento sulle posizioni organizzative, avere più figure di livello professionale alto, e che non si chiamano solo dirigenti, perché ci sono diverse professionalità». Il riferimento è al braccio di ferro sulle conseguenze della sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato 767 funzionari incaricati illegittimi a marzo. A questa presa di posizione ha replicato il sottosegretario al ministero dell’economia Enrico Zanetti: «Se continua a esternare il suo malessere e a dire che l’Agenzia muore, le dimissioni diventano inevitabili». Enrico Zanetti, ha sottolineato che «le parole della Orlandi, sempre che non le smentisca o le ridimensioni, sono incompatibili con qualsiasi ipotesi di leale collaborazione col governo che l’ha nominata».

«Il direttore dell’Agenzia delle entrate non è il ministro delle Finanze. La politica fiscale la fa il governo. L’Agenzia deve fare i controlli, non decidere quali. È una voce che ascoltiamo, per carità. Ma non sempre condividiamo. E quando si sceglie una linea, il direttore si adegua ed esegue. Zitti e pedalare. Altrimenti è libero di andare da un’altra parte», ha concluso. Su questo scontro istituzionale è intervenuto ieri il ministero dell’economia che con una nota ufficiale ha riconosciuto un ruolo cruciale dell’Agenzia delle entrate: «Le competenze maturate e consolidate dal personale e dalla dirigenza costituiscono un patrimonio che il governo intende salvaguardare», si legge nella nota del Mef, riservando ai dipendenti dell’Agenzia parole di riconoscenza: «Lo spirito di dedizione e l’esecuzione dei doveri d’ufficio lontano dai riflettori che il personale ha mostrato in tante occasioni deve continuare a essere di esempio per chiunque operi al servizio del cittadino e dell’interesse pubblico».

Il ministero ha poi contestualizzato «immutata stima nel direttore Rossella Orlandi» ricordando che il ministero è «impegnato nell’attività di rafforzamento organizzativo e operativo dell’Agenzia delle entrate». Il ministero ha legato questa attività alla presenza di Fmi e Ocse mettendo in una sorta di tutela internazionale l’evoluzione della lotta all’evasione fiscale. Il rafforzamento in atto è «anche grazie al contributo delle valutazioni chiese a Fmi e Ocse in merito a modelli efficaci nella realizzazione di un rapporto cooperativo tra contribuente e amministrazione fiscale secondo le migliori pratiche che emergono dalla comparazione internazionale».

A stretto giro è arrivata ieri la replica del sottosegretario Zanetti che ha chiesto come Scelta civica un chiarimento urgente con il ministero dell’economia e Palazzo Chigi facendo notare che «il direttore immutatamente stimato ancora la scorsa settimana era in giro per convegni a dire che invece l’Agenzia la stiamo facendo morire, non che la stiamo rafforzando, tutto ripreso da svariati giornali e mai smentito».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa