Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Addio Malpensa-Roma anche Easyjet lascia A ottobre l’ultimo volo

Cento euro, qualche spicciolo in più, per l’ultimo viaggio andata e ritorno. Partenza da Malpensa alle 18 sul volo U200907 e atterraggio a Fiumicino 80 minuti dopo; poco più di mezz’ora di pausa e nuovo decollo dal Leonardo da Vinci verso le brume di Ferno, per i passeggeri dell’U200910 di EasyJet. Da quel momento, le 21.20 del 27 ottobre prossimo salvo ritardi o cancellazioni, i due principali scali italiani, aeroporti da oltre 60 milioni di passeggeri complessivi registrati nel 2016 (41,5 abbondanti per Fiumicino e oltre 19,3 per Malpensa), non avranno più un solo collegamento aereo diretto.
Epilogo annunciato. Impensabile altrove in Europa, dove i voli tra Madrid Barajas e Barcellona El Prat, tra Parigi Charles De Gaulle e Nizza Costa Azzurra, tra Francoforte e Monaco Strauss, o tra Londra Heathrow e Manchester sono decine al giorno, compagnia di bandiera o low cost che sia. Già scritto qui dal 29 dicembre scorso, quando Alitalia comunicò l’abbandono della rotta entro due settimane: EasyJet avrebbe dovuto seguirla a fine marzo, invece Frances Ouseley — direttore per l’Italia della compagnia inglese — annunciò il prolungamento della scommessa, quella di un collegamento mantenuto vivo da monopolista di fatto, un’andata e un ritorno al giorno per tutta la settimana, sabato escluso. È durata sette mesi in più. Ma dal 28 ottobre, a collegare Milano alla capitale, rimarrà solo Linate. O il treno. Concorrente micidiale, a tariffe e tempi — considerando i collegamenti tra i due aeroporti e il centro di Milano e Roma, e le procedure di controllo — simili. Lotta impari, anche per le low cost.
Paradosso di un mercato in continua espansione, almeno per quanto riguarda i volumi in valore assoluto di passeggeri in transito, anche se con percentuali meno trionfali rispetto al traffico cargo. Il 2016 di Fiumicino e Malpensa si è chiuso in attivo, del 3,2% per il Leonardo da Vinci e del 4,5% per lo scalo varesino che ha beneficiato di un inizio di 2017 da record: 12,4 milioni di passeggeri nei soli primi sei mesi, crescita del 16% rispetto alle cifre di un anno prima, un’impennata seconda sola a quella di Catania Fontanarossa (+17,4%). E cresce il numero delle rotte dirette, l’ultima aggiunta è proprio di Easy- Jet (monopolista di fatto di Malpensa 2, la succursale dell’ex hub) con due voli a settimana per Fuerteventura alle gettonatissime Canarie, in calendario dal 30 ottobre.
Ed è il motivo principale per cui l’avvicinamento al 27 ottobre, l’addio prossimo al Malpensa-Fiumicino passerà sotto traccia: non ci sarà calo occupazionale ad agitare i sindacati, né ritorni da spendere per la politica locale e gli amministratori regionali su una rotta che ormai muove pochi o nessun interesse.

Massimo Pisa

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Nel governo stiamo ancora ragionando.Ci sono Paesi, come quelli del nord Europa, che hanno fissat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ennesima ripartenza per “l’araba fenice” d’acciaio. Probabilmente l’ultima, l’ultim...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sulla prescrizione, tra Cartabia e Bonafede, un accordo si sta profilando come possibile. Può regg...

Oggi sulla stampa