Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ad Atene 11 miliardi, ma impasse con Lagarde

L’Eurogruppo di oggi si prepara a premiare gli sforzi della Grecia garantendo una tranche di aiuti molto più sostanziosa del previsto (si parla di 11 miliardi contro i 5 stanziati) ma l’attesissimo – almeno ad Atene – piano di ristrutturazione del debito rischia di subire l’ennesimo rinvio. Le posizioni di Ue e Fmi su questo fronte restano per ora molto distanti. Il Fondo Monetario Internazionale, con tempismo sospetto, ha alzato l’asticella pubblicando ieri la nuova analisi sulla sostenibilità dell’esposizione ellenica. I risultati del lavoro di Washington sono tranchant: «La Grecia ha bisogno subito di un taglio del debito senza condizioni – dice -. Vanno allungati i termini, tagliati i tassi e rimandati i pagamenti ». Fino al 2040, ha suggerito nei giorni scorsi Christine Lagarde. Il piano di salvataggio, prosegue il rapporto, ha obiettivi «non realistici» e anche con un ridimensionamento degli oneri finanziari «Atene è esposta a choc esterni».
La posizione dell’Fmi, insomma, non si è ammorbidita. E l’intransigenza del Fondo mette ora in difficoltà Angela Merkel. La Cancelliera vuole a tutti costi tenere il Fondo a bordo del salvataggio (lo pretende il Bundestag) ma per farlo deve concedere quello che i suoi elettori non le perdonerebbero al voto del 2018: un pesante sconto ai debiti del governo Tsipras che dopo aver approvato le misure d’austerità chieste dai creditori si aspetta, a ragione, il taglio che gli è stato promesso.
La presa di posizione degli uomini di Lagarde ha alzato la tensione alla vigilia di un Eurogruppo molto delicato. Bruxelles, ormai questo è chiaro, dovrebbe sbloccare oggi gli aiuti necessari ad Atene per rimborsare i prestiti (3,5 miliardi) in scadenza a luglio ed evitare il default. L’Europa, come segno di buona volontà, sarebbe pronta addirittura a essere più generosa girando alla Grecia tra i 9 e gli 11 miliardi, parte dei quali potrebbero essere utilizzati per rimborsare gli arretrati dello Stato con i suoi cittadini. Uno zuccherino che potrebbe non bastare ad ammortizzare i contraccolpi di un’impasse sul debito. Il governo Tsipras ha votato compatto gli ultimi provvedimenti d’austerità grazie alla speranza del “condono”. E senza novità su questo fronte l’ala radicale di Syriza potrebbe scendere sul piede di guerra. Un’ipotesi che porterebbe il paese a elezioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa