Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Acquisti di titoli di Stato per aiutare la crescita»

La Banca centrale europea è pronta a comprare titoli di Stato in caso di inflazione bassa per molto tempo. Lo ha ribadito il presidente della Bce Mario Draghi nell’Europarlamento di Bruxelles, citando esplicitamente «l’acquisto di bond sovrani». Ha poi fatto intuire un superamento dell’opposizione a questo intervento della componente tedesca della sua istituzione dichiarando che «il Consiglio dei governatori è unanime nell’impegno a usare strumenti non convenzionali» nell’ambito del mandato dell’istituzione di Francoforte.
Draghi non ha nascosto la preoccupazione per i rischi di revisione al ribasso della previsioni di ripresa già moderata. «Lo slancio di crescita della zona euro si è indebolito durante l’estate — ha ammesso —. La ripresa è messa a rischio da disoccupazione alta, capacità produttiva inutilizzata e necessari aggiustamenti di bilancio». Proprio la situazione del mercato del lavoro gli fa chiedere «di fare di più per la crescita» perché nell’eurozona «il tasso di disoccupazione è molto alto, soprattutto quello giovanile è a un livello socialmente inaccettabile».
Per il presidente della Bce l’inflazione è prevista ancora troppo sotto l’obiettivo del 2%. Ma «al tempo stesso restano valide le nostre aspettative per una ripresa modesta nel 2015-2016». L’importante è che «il 2015 dovrà essere l’anno in cui tutti gli attori dell’area euro, dai governi alle istituzioni europee, dovranno avviare una consistente strategia comune per riportare le nostre economie in carreggiata» perché «la politica monetaria non è in grado di farlo da sola». Anche se ritiene che gli interventi della sua Bce, fornendo ingente liquidità a basso costo alle banche, iniziano a produrre «effetti tangibili». Gli interventi da attuare a livello governativo e a Bruxelles sarebbero «investimenti» di stimolo della crescita, «riforme strutturali» e «una ulteriore cessione di sovranità che assicuri un sostenibile e buon funzionamento dell’Ue».
Draghi non ha risposto alle domande dell’eurodeputato Marco Zanni del M5S sul coinvolgimento delle banche nello scandalo LuxLeaks sull’elusione delle tasse tramite il Lussemburgo e altri paradisi fiscali. L’ha definito un problema legato alla necessità di una «armonizzazione fiscale». Né ha commentato la critica di diverso trattamento nelle verifiche della Bce per una grande banca tedesca con presunte mega-esposizioni in speculazioni ad alto rischio sui derivati, rispetto a istituti italiani con crediti difficili nell’attività tradizionale. Draghi ha garantito che gli stress test sono stati rigorosi, anche se «non possiamo dire che in Europa esistono condizioni completamente eque e uniformi nel settore bancario». L’ aumento di capitale della banca Mps, che non ha passato gli stress test Bce, l’ha definito in valutazione. Condivide che l’attenzione sul sistema bancario debba rimanere alta, pur in assenza di rischi sistemici. A Italia, Spagna, Lussemburgo, Polonia e Romania ha sollecitato al più presto «più sforzi» per « migliorare l’efficacia della funzione macroprudenziale».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'offerta definitiva di Cdp e dei fondi Blackstone e Macquarie per l'88% di Autostrade non arriverà...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mps capital services, la corporate e investment bank del Montepaschi, si è collocata al primo posto...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È lunga la lista delle società italiane entrate o confermate nel Bloomberg Gender-Equality Index 2...

Oggi sulla stampa