Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Accordo fra Sorgenia e Amazon «Il risparmio? Lo consiglierà Alexa»

«Fra una decina di giorni i nostri clienti potranno chiedere direttamente ad Alexa, l’assistente vocale di Amazon, quanto hanno consumato e speso per la propria fornitura di energia elettrica e gas. E Alexa sarà inoltre in grado di fornire loro consigli e dritte utili per risparmiare sulla bolletta. Il tutto a voce, facendo semplici domande e ottenendo da Alexa altrettanto semplici risposte». È lo stesso Gianfilippo Mancini, amministratore delegato di Sorgenia dal marzo 2015, ad anticipare a Corriere Innovazione l’accordo fra l’energy company italiana e il colosso guidato da Jeff Bezos. Il primo del settore, almeno per il nostro Paese.

Dottor Mancini, da dove nasce questa partnership?

«Il nostro spazio naturale è quello dell’online. Non a caso ci definiamo una digital energy company, che non è il risultato di un mero approccio comunicativo ma del cambiamento culturale in corso. Siamo convinti, in altre parole, della discontinuità dell’impatto delle tecnologie digitali sul nostro settore. I nostri clienti, che sono in larga maggioranza nativi digitali, hanno già parecchi vantaggi sulla piattaforma di Amazon. Grazie alla Skill Sorgenia per Alexa avranno a disposizione un ulteriore canale di contatto innovativo e dedicato. Potranno inoltre accedere a tutte le soluzioni di efficienza energetica, smart home ed e-mobility messe a disposizione dall’azienda».

Il digitale come un grande mercato, insomma…

«Non solo. Noi siamo impegnati a offrire ai nostri clienti le soluzioni di cui hanno bisogno, attraverso un’esperienza che sia il più appagante possibile, facendo leva su soluzioni innovative che la tecnologia ci offre con una crescita esponenziale. L’obiettivo è semplificare il rapporto dei nostri clienti con l’energia. Per noi il digitale è proprio questo: un potente strumento che ci consente di rendere l’energia più libera, personale, sostenibile e condivisa».

Libera?

«Significa semplice, senza sorprese in bolletta».

Sostenibilità ambientale

Big data e intelligenza artificiale stanno contribuendo a creare un nuovo mix energetico

E qual è la risposta che state ricevendo?

«Parlano i numeri: a oggi abbiamo 275 mila clienti, di cui 110 mila acquisiti solo nell’ultimo anno con canali digitali: si tratta di un record nazionale».

Se le nuove tecnologie stanno modificando la maniera di consumare energia, come cambia il modo di produrla invece?

«Big data e intelligenza artificiale stanno contribuendo alla creazione di un nuovo mix energetico, che per quanto ci riguarda è sempre più composto da energie rinnovabili. Grazie al digitale, infatti, solare, eolico e geotermico sono metodologie di produzione energetica finalmente competitive e lo saranno sempre di più, anche senza i sussidi. Inoltre i sistemi di stoccaggio saranno i veri game changer di domani».

In che senso?

«Oggi chi autoproduce energia o la consuma subito o la cede alla rete oppure si deve dotare di batterie al litio per immagazzinarla e utilizzarla quando serve. Ma sono sistemi ancora costosi. Noi stiamo lavorando a una nuova generazione di batterie a flusso organico e a idrogeno, che hanno anche il vantaggio di non aver problemi di smaltimento. Già oggi forniamo soluzioni di autoproduzione alle aziende e a breve le offriremo anche ai privati».

Massimiliano Del Barba

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa