Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Accesso al credito in preferenziale

di Bruno Pagamici 

Per favorire le pmi la manovra Monti potenzia il Fondo di garanzia. Con lo stanziamento di 400 milioni di euro per il prossimo triennio, lo strumento di supporto alle imprese istituito dall'art. 2, comma 100, lett. a), legge 662/96 e gestito da Unicredit-Mediocredito centrale. Prevista anche una riserva fino all'80% delle disponibilità finanziarie per gli interventi fino a 500 mila euro.

Il rifinanziamento (previsto dall'art. 3, comma 4) intende creare un'azione di contrasto alla stretta creditizia che investe tutto il sistema delle imprese.

Il decreto Monti (dl 201/2011) si affida dunque a uno strumento finanziario che finora si è rivelato un intervento particolarmente efficace per favorire l'accesso al credito da parte delle pmi, come dimostra il progressivo aumento delle richieste.

Dalle ultime rilevazioni (30 settembre 2011) emerge che sono state presentate 44.791 domande, di cui ammesse alla garanzia 42.765, per un totale di 6,6 miliardi di euro di finanziamenti attivati, di cui 3,3 miliardi di euro di importo garantito. L'80,6% delle domande accolte riguardano imprese che hanno fatto ricorso alla garanzia per esigenze di liquidità mentre il restante 19,4% riguardano operazioni a fronte di investimento.

L'analisi relativa ai singoli comparti produttivi, evidenzia che il 40,2% delle domande è riferito al settore commerciale, il 39,1% all'industria e il 20,1% ai servizi.

Altre novità del decreto Monti. Sono introdotte dall'articolo 39, commi 1-6. Dalla lettura del testo emerge la possibilità che la garanzia e la controgaranzia possano essere concesse fino all'80% dell'ammontare delle operazioni finanziarie a favore delle pmi e consorzi ubicati in tutto il territorio regionale (e non solo nelle regioni Campania, Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia).

Viene inoltra stabilito che la misura dell'accantonamento minimo a titolo di coefficiente di rischio (attualmente pari all'8%) possa essere ridotta con decreto di natura non regolamentare.

In funzione di specifici obiettivi di sviluppo, il dl 201/2011 (comma 3) prevede l'aumento da 1,5 a 2,5 milioni di euro dell'importo massimo garantito per ogni singola impresa.

Un'altra novità riguarda la possibilità di concedere la garanzia (a titolo oneroso), oltre che su singole operazioni, anche su portafogli di finanziamenti erogati a pmi. Le disposizioni applicative di tali norme saranno stabilite da un apposito decreto del ministero dello sviluppo economico, da emanare di concerto con il ministero dell'economia e delle finanze.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È un falso dilemma» che la Bce abbia un solo mandato e la Federal Reserve due. Anche la Banca ce...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un intervento normativo finalizzato a favorire il rafforzamento patrimoniale delle società di capit...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scuola e lavori pubblici, settore residenziale e miglioramento delle norme in fatto di appalti, come...

Oggi sulla stampa