Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Accertamenti con tempi sicuri

di Marco Mobili e Benedetto Santacroce

ROMA

La certezza del diritto è alla base della nuova delega fiscale. In sostanza sull'accertamento si vuole intervenire per ridefinire quanto la giurisprudenza di legittimità, in assenza di norme chiare e precise, ha completamente stravolto. In questo senso vanno letti gli interventi in tema di raddoppio dei termini e abuso del diritto. Per il raddoppio dei termini di accertamento, che deriva dall'individuazione di un comportamento del contribuente a rilevanza penale con conseguente invio di un'apposita denuncia all'autorità giudiziaria, la delega mette fine a ogni discussione imponendo che il raddoppio sia possibile solo per periodi d'imposta per i quali l'accertamento sia ancora possibile. Oggi, anche per la sentenza della Corte Costituzionale 247/2011, gli uffici effettuano gli accertamenti anche per periodi per cui l'azione è ormai decaduta.
Sull'abuso del diritto l'intervento proposto è sicuramente atteso e necessario considerata l'incertezza che si è generata. Per questo si ipotizza di introdurre una norma antiabuso generale che riguardi tutti i tributi e che dia specifico rilievo alle ragioni economiche sottostanti e all'ottenimento di un vantaggio fiscale normalmente non ottenibile. Tale norma consente ai contribuenti di realizzare operazioni societarie o pianificazioni con maggiori certezze e consente agli uffici di disporre di uno strumento efficace per la lotta a fenomeni abusivi. Dalle anticipazioni si passerà presto ai fatti. La delega fiscale sarà all'esame del preconsiglio di oggi per ottenere un posto in prima fila nel Consiglio dei ministri di venerdì prossimo. Il passaggio in preconsiglio consentirà ai tecnici del Governo di sciogliere le ultime riserve, come quelle in materia di tassazione ambientale (si veda il servizio in pagina). A definire, invece, il percorso parlamentare della delega fiscale sarà lo stesso Cdm di venerdì: l'ipotesi più accreditata è quella di far partire il nuovo testo dalla Camera. In questo modo sarà possibile superare il disegno di legge delega presentato dal passato Governo Berlusconi. Molte di quelle misure sono state già attuate (rendite finanziarie, Ace, aumenti Iva), altre sono ritenute non percorribili: le tre aliquote Irpef (20, 30 e 40%) o l'ablizione dell'Irap.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa