Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Accelerano le adesioni all’Opa sul Creval: l’Agricole supera di fatto la soglia del 50%

I conti finali si faranno domani, quando si chiuderà il periodo di adesione appena prorogato. Ma con la revisione all’offerta varata nella notte di martedì, il Credit Agricole – che di fatto ha già messo in tasca oltre il 50% del capitale – punta a sbloccare definitivamente la partita dell’Opa lanciata sul Creval.

Ieri si è visto un balzo significativo nelle adesioni: Credit Agricole Italia ha infatti raccolto in una seduta oltre il 15% del capitale che si aggiunge al 22,6% del giorno precedente. In una sola seduta sono state apportate circa 10,5 milioni di azioni, per un totale di circa 26 milioni. Nel complesso, a ieri, la banca francese aveva ufficialmente in mano 38% circa del capitale del Credito Valtellinese. Nella sostanza, tuttavia, tale quota è già oltre il 50%. Martedì sera l’istituto, assistito da Equita, JpMorgan e BonelliErede, ha infatti annunciato di aver ricevuto impegni di adesione da parte del 27,2% del capitale (che solo in parte ha dunque formalmente consegnato le proprie azioni nella seduta di ieri), subordinati proprio alla rinuncia della condizione di superamento del 90% del capitale. Considerando che le adesioni martedì si attestavano al 22,63% del capitale, la quota complessiva in capo all’Agricole sale al 49,83%. Se a questo si aggiunge una quota di circa il 2,5% comprata ai blocchi, il 52% circa è virtualmente già nelle mani dei francesi. Il superamento formale di tale soglia è tuttavia non banale perchè farebbe scattare le adesioni anche dei fondi passivi. Dalla banca francese trapela ottimismo, ma è chiaro che l’obiettivo minimo a questo punto è il raggiungimento non solo del 66,7%, necessario per avere le leve dell’assemblea straordinaria, ma anche il superamento del 90%, che permetterebbe il delisting del Creval.

Il cambio di umore sul mercato – confermato anche dall’andamento del titolo di ieri, a 12,12 euro, sotto prezzo Opa – si è visto anche dai nomi degli azionisti del Creval che hanno deciso di aderire. A partire dalla Dfgd dell’imprenditore francese Denis Dumont (5,3%), per arrivare ad Alta Global Investments (5,1%), Hosking Partners (4,6%), Tig Advisors (4,1%) e Petrus Advisers (3,1%), in gran parte soggetti che nei giorni scorsi si erano opposti ai transalpini, avevano chiesto un adeguamento all’offerta ed espresso appoggio anche in assemblea al management guidato da Luigi Lovaglio, che è assistito da Mediobanca, Bofa, Intermonte e Rccd. Ad uscire allo scoperto per ora è stata Alta Global, che ora «incoraggia altri investitori ad assumere una posizione costruttiva, trarre vantaggio dall’aumento del prezzo e sostenere l’integrazione di Creval con Cai». Si vedrà se altri seguiranno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Rivalutazione dei beni anche nel bilancio 2021, ma senza riconoscimento fiscale dei maggiori valori....

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

P101 sgr apre il capitale ad Azimut e si prenota un posto da player europeo nel mercato del venture ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia continua a colpire il gruppo Enel sul fianco della generazione termoelettrica e del trad...

Oggi sulla stampa