Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Accelera il 110%: in due mesi lavori da 72 a 338 milioni

Accelera il Superbonus del 110% per il risparmio energetico: dal 3 dicembre all’8 febbraio i lavori ammessi all’agevolazione sono passati da 72 a 338 milioni, mentre il numero dei cantieri aperti è cresciuto da 537 a 2.960. I dati sono forniti dall’Enea e rilanciati ieri da Riccardo Fraccaro e da Stefano Patuanelli – i due uomini di punta del M5s sul Superbonus – che hanno sottolineato il crescente effetto prodotto dall’agevolazione fiscale e hanno chiesto a Mario Draghi di confermarla come una priorità per il nuovo Esecutivo.

I dati mostrano diversi lati interessanti dell’utilizzo del Superbonus. Anzitutto, la percentuale di realizzazione dei lavori è al 69%, pari a 234,2 milioni.

In secondo luogo, si conferma che più numerosi sono gli interventi sugli edifici unifamiliari, 1.770 contro 217 interventi condominiali e 973 su unità immobiliari indipendenti. Al tempo stesso, però, gli edifici condominiali sono più pesanti, con una media di 541mila euro a intervento, mentre per gli uninominali la media è di 81mila euro e per unità indipendenti di 79mila euro.

In terzo luogo, va registrata la crescita dei professionisti asseveratori registrati che sono passati da 7.021 a 12.017.

In quarto luogo, la tipologia degli interventi: in 2.339 casi a trainare l’agevolazione è l’intervento sull’impianto di riscaldamento, con un ammontare di 49,4 milioni di ammontare ammesso al benficio fiscale; in 1.142 casi a trainare i lavori è invece il cappotto termico e l’ammontare ammesso è notevolmente più pesante, 79,2 milioni di euro; in 37 interventi è l’involucro condominiale con 722mila euro.

Infine, c’è l’aspetto territoriale. Si contendono il primato regionale il Veneto, con 380 interventi ma una spesa di 35,7 milioni, e la Lombardia, che ha un numero inferiore di interventi (348) ma una spesa di gran lunga maggiore, a 43,1 milioni di euro.

Seguono la Puglia con 269 interventi e 22,6 milioni di spesa, la Sicilia con 267 interventi e una spesa di 20,9 milioni, l’Emilia-Romagna con 257 interventi ma un ammontare molto più alto di 26 milioni (la terza regione per investimento), il Lazio con 230 interventi e una spesa di 20,1 milioni, la Toscana con 204 interventi e 17,98 milioni di investimento. Anche il Piemonte, come Lombardia ed Emilia, ha una spesa media molto alta: 173 lavori totalizzano infatti ben 25,8 milioni (la quarta regione per investimento).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa