Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Abi: tassi in rialzo e prestiti in frenata Npl sotto 30 miliardi

A gennaio i tassi di interesse sulle nuove operazioni di finanziamento hanno segnato un lieve rialzo (meno di un decimale) a fronte di un andamento ancora in crescita degli impieghi a famiglie e imprese. Lo rivela il Rapporto mensile dell’Abi. Nel primo mese dell’anno i prestiti sono aumentati dell’1% a 1.301 miliardi di euro, in rallentamento rispetto al mese precedente (+1,93%) mentre i tassi medi di interesse sono passati dall’1,89% di dicembre all’1,92% per le nuove operazioni di acquisto di abitazione delle famiglie e dall’1,46% all’1,52% per i prestiti alle imprese. «Si tratta comunque – ha spiegato il vice dg Gianfranco Torriero – di valori storicamente molto bassi, all’interno della fascia registrata dal 2017». Per un raffronto basta ricordare che a fine 2007, prima delle crisi, il tasso medio sui mutui per le famiglie era attorno al 5,72%, mentre quello sugli impieghi alle imprese era al 5,48%.
Una variazione più significativa, che segna un netto miglioramento della qualità del credito, va invece segnalata sul fronte delle sofferenze nette: a dicembre 2018 si sono attestate a 29,5 miliardi, un valore in forte calo rispetto ai 38,3 miliardi del mese precedente e rispetto al dato di dicembre 2016 (- 57,3 miliardi). In due soli anni – fa notare Abi – le sofferenze si sono ridotte di circa il 66% e rispetto al picco raggiunto a novembre 2015 (88,8 miliardi), la riduzione è di oltre 59 miliardi. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali si è attestato all’1,72% a dicembre 2018, contro il 4,89% di fine 2016.
Sul fronte della raccolta gennaio ha confermato la dinamica positiva dei depositi (35 miliardi in più rispetto a un anno fa; +2,4%) e la forte diminuzione della raccolta a medio e lungo termine, cioè tramite obbligazioni, per 29 miliardi in valore assoluto negli ultimi 12 mesi (-10,8%). Invariato rispetto a dicembre, allo 0,61%, il tasso medio sulla raccolta, con la conseguenza che anche il margine tra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta a famiglie e società non finanziarie è rimasto su livelli particolarmente bassi: a gennaio risultava pari a 198 punti base (194 il mese precedente), in netto calo rispetto agli oltre 300 bp registrati prima della crisi finanziaria (335 punti base a fine 2007).

Davide Colombo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa