Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Abi, sofferenze in calo e tasso mutui ai minimi

A luglio le sofferenze del sistema bancario italiano continuano a diminuire e il rapporto tra sofferenze nette e impieghi torna sui valori precedenti alla crisi del 2011. È quanto emerge dal rapporto mensile dell’Abi nel quale si precisa come a luglio le sofferenze nette sono risultate pari a 32,1 miliardi, in calo rispetto ai 40,1 miliardi dello stesso mese del 2018 (-8 miliardi pari a -20,1%) e ai 66,5 miliardi del luglio 2017 (-34,4 miliardi pari a -51,8%). La riduzione, sottolinea l’Abi, è di quasi 57 miliardi se si considera il livello massimo delle sofferenze nette raggiunto a novembre 2015. Il rapporto tra sofferenze nette e impieghi totali si è attestato all’1,84% (2,32% a luglio 2018, 3,86% a luglio 2017 e 4,89% a novembre 2015), portandosi sui livelli di settembre 2010 (quando era 1,79%).Ad agosto il totale prestiti a residenti in Italia si colloca a 1.695,2 miliardi di euro, segnando una variazione annua di +1% (+0,8% il mese precedente). I prestiti a famiglie e imprese risultano pari a 1.429,8 miliardi di euro, in aumento dello 0,9% su base annua. Se si scompone il dato degli impieghi, a luglio si conferma la crescita del mercato dei mutui che registra un +2,4% su base annua. A seguito della riduzione della domanda di finanziamenti, nonostante tassi di interesse che permangono su livelli storicamente infimi, per i prestiti alle imprese si evidenzia invece una riduzione tendenziale dello 0,4%.

Aumento significativo della raccolta che ad agosto raggiunge i 1.802,5 miliardi e segna un +5,2% tendenziale che non si registrava da dieci anni (agosto 2009). Il dato, ha spiegato l’Abi, è riconducibile alla liquidità detenuta dalle imprese nei depositi bancari. La variazione annua delle obbligazioni è risultata pari a -3,3% (-3,6% il mese precedente), manifestando una diminuzione in valore assoluto su base annua di 8 miliardi di euro. L’ammontare delle obbligazioni risulta pari a circa 242 miliardi di euro.

Ad agosto i tassi di interesse sulle nuove operazioni di finanziamento si attestano ancora sui minimi storici. In particolare, il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è risultato pari a 1,68% (1,69% a luglio 2019). Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è risultato pari a 1,25% (1,37% il mese precedente). Il tasso medio sul totale dei prestiti è pari al 2,52% (2,54% a luglio).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa