Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Abi: calo record per i prestiti erogati a famiglie e imprese

L’economia reale non migliora, e i prestiti a famiglie e imprese registrano ancora una caduta. A gennaio, infatti, secondo l’ultimo outlook mensile dell’Abi gli impieghi erogati a questo comparto del settore privato sono stati pari a 1.467 miliardi di euro e hanno subito una flessione del 3,26% rispetto a gennaio 2012 (contro il -2,5% di fine 2012), toccando così un nuovo record negativo rispetto agli ultimi due anni.
L’andamento, ha spiegato il direttore centrale dell’Associazione di Palazzo Alteri, Gianfranco Torriero, è in linea con l’evoluzione delle principali grandezze macroeconomiche (Pil e investimenti), considerato che sono ormai sei i trimestri consecutivi di recessione. Anzi, la brutta sorpresa del dato sul Pil nel quarto trimestre spingerà l’Abi a rivedere le sue stime per l’intero 2013.
In dicembre l’associazione aveva indicato una stima (rapporto Afo) di una contrazione dello 0,6% quest’anno e di una ripresa blanda nel 2014 (+0,8%). Ma il -0,9% registrato dall’Istat per il quarto trimestre del 2012 porta già a una flessione del Pil 2013 acquisita dell’1 per cento. Il rapporto dell’Abi evidenzia, inoltre, come il totale dei prestiti all’economia dati dalle banche italiane a gennaio sia pari a oltre 1.919 miliardi e sia nettamente superiore all’ammontare complessivo della raccolta, che ammonta a 1.752,8 miliardi. Un aspetto, quest’ultimo, che è stato sottolineato dal neo presidente dell’Associazione, Antonio Patuelli: «Le banche che operano in Italia prestano molto più di quello che raccolgono: impiegano infatti il 120% della loro raccolta» ha dichiarato Patuelli, durante un intervento radiofonico. «Le banche – ha poi spiegato – sono intermediari che raccolgono dai risparmiatori e prestano a chi ha i titoli per restituire: questa che può sembrare una rigidità è invece un modo per tutelare i risparmiatori». Tornando ai dati dell’outlook, la raccolta bancaria è cresciuta del 2,54% a gennaio (+1,6% a dicembre) trainata dalla progressione dei depositi (+6,76% a gennaio da +6,2% a dicembre). Il balzo dei depositi che si registra da novembre è spiegato dal clima di incertezza che continua a spingere i risparmiatori a preferire la liquidità.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Banche alla verifica degli stress test dopo il Covid. Quante sono le aziende affidate che hanno pos...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo 10 anni passati a riaversi dai traumi della crisi finanziaria 2008 e cinque a tagliare i risch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«È una riforma importante quella di cui stiamo discutendo in questi giorni — dice il neo presid...

Oggi sulla stampa