Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

A2A triplica i profitti e svela i target al 2021

A2A chiude il 2016 con un utile netto consolidato di 224 milioni (praticamente triplicato rispetto all’anno scorso) e il cda propone all’assemblea una cedola di 0,0492 euro per azione, in crescita del 20% dal 2015 e soprattutto oltre le attese dei grandi soci, i Comuni di Milano e di Brescia, che nei propri bilanci avevano stimato un dividendo pari a 0,0475 euro. Il consiglio della multiutility lombarda, che ha chiuso il 2016 con un margine operativo lordo a quota 1,231 miliardi (+17,5%), ieri ha anche approvato l’aggiornamento del piano al 2021, che vede un «riadattamento delle priorità strategiche» con una accelerazione su reti, ambiente e clienti, tre business destinati a rappresentare, tra cinque anni, «la maggioranza del capitale investito».
«Il 2016 è stato un anno record sotto diversi punti di vista, sia finanziario sia per la quantità e la qualità dei progetti che abbiamo saputo realizzare: con questo assetto A2A diventa uno dei principali operatori industriale del Paese», ha dichiarato Giovanni Valotti, che al tempo stesso non si è voluto sbilanciare sul nuovo tavolo negoziale aperto con Acsm-Agam, Lario Reti Holding, Azienda Elettrica Valtellina e Valchiavenna e Aspem. «Come sarà il progetto e quale sarà il nostro ruolo sarà definito dalle trattative. – ha precisato – Da parte nostra c’è un impegno serio per studiare un progetto industriale in cui A2A fa crescere aziende di medie dimensioni e dà loro carburante per la crescita. Magari tra qualche settimana avremo più dettagli». Anche l’ad Valerio Camerano ha sottolineato che, per il 2016, il dato più importante è l’incremento del mol, pari a 183 milioni, al quale hanno contribuito 128 milioni di partite non ricorrenti (19 milioni nel 2015) e 32 milioni di Lgh: al netto di ciò, «tutte le business unit hanno incrementato la marginalità, eccetto reti e calore». Questa dinamica ha permesso di abbassare il rapporto debito/Ebitda a quota 2,5 volte. Inoltre, a livello di utile netto, la capogruppo, A2A spa, ha chiuso con profitti netti per 274,1 milioni: cosa che, dopo diversi anni, permetterà di distribuire i dividendi (per un monte cedole complessivo di 153 milioni) senza intaccare il patrimonio della società, che anzi risulterà rafforzato.
Per quanto riguarda il nuovo piano, invece, gli investimenti complessivi aumentano a 2,75 miliardi (+500 milioni), l’Ebitda a 1,39 milioni e l’utile netto al 2021 sfiora 0,5 miliardi con una posizione finanziaria netta in riduzione di oltre 0,6 miliardi a 2,5 miliardi. «È un business plan ambizioso ma prudente – ha fatto notare Valotti – visto che ci sono da 135 a 210 milioni di mol potenziale che non abbiamo computato nelle stime»: tra questi, per esempio, ci sono 50-75 milioni derivanti da aggregazioni locali. Il focus generale sarà sulle reti e i clienti, visto che ormai le multitulity moderne si stanno trasformando sempre più da “generatori” a fornitori di servizi: dunque via ad investimenti su smart city, green economy e reti intelligenti. E se il taglio dei costi (82 milioni a fine 2016) ha già raggiunto metà del target al 2020, il nuovo piano d’impresa conferma la dividend policy, con una cedola stimata di 7,5 centesimi al 2019 e un payout minimo del 60% per gli anni successivi. Ieri, infine, dopo una mattina al rialzo, in cui ha aggiornato i massimi da sei anni e mezzo, il titolo A2A ha ripiegato per chiudere a 1,38 euro, in ribasso del 2,68%.

Cheo Condina

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'acquisto della banca senese potrebbe permettere al gruppo milanese di ridurre la distanza dal lead...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni l’attenzione dei commentatori politici è stata focalizzata sulle modalità di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo Conte bis è entrato in crisi proprio quando alcuni dossier economici di capitale importa...

Oggi sulla stampa