Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

A2A scommette sul green

La sostenibilità è al centro del piano strategico al 2030 di A2A, il primo del gruppo con un orizzonte decennale. Sono previsti 16 miliardi di euro di investimenti, di cui 6 mld per l’economia circolare e 10 per la transizione energetica del paese, a supporto della decarbonizzazione e dell’elettrificazione dei consumi. «Un nuovo piano che segna un punto di svolta per A2A», ha commentato l’a.d. Renato Mazzoncini. «Coniugando coraggio e concretezza perseguiamo obiettivi di sostenibilità sfidanti e target economici di crescita molto importanti per il gruppo, che si affaccia al mercato europeo».

Con il piano Life is our Duty (la vita è il nostro dovere) A2A punta a un riposizionamento strategico e culturale da multiutility a life company, trasformando l’azienda da operatore territoriale con 2,9 milioni di clienti a player nazionale con 6 milioni di clienti entro il 2030. Con 6 miliardi a disposizione per l’economia circolare sono previste azioni strategiche volte a una crescita nel recupero di materia e di energia dai rifiuti e alla riduzione degli sprechi (perdite idriche, calore di scarto). Nel settore ambientale il gruppo intende evolvere da leader italiano ad attore di rilevanza europea. Sono previsti la dismissione degli impianti a carbone entro il 2022 e lo sviluppo di nuove fonti rinnovabili che contribuiranno al 58% della produzione di energia. La capacità di generazione da fonti rinnovabili arriverà a 5,7 gigawatt grazie a oltre 4 miliardi di investimenti e acquisizioni. Le due tecnologie su cui si concentreranno gli investimenti saranno quella solare e quella eolica, anche grazie a un contributo da operazioni m&a nei primi anni di piano per creare una piattaforma di sviluppo. A2A, inoltre, intende promuovere la decarbonizzazione del settore automobilistico attraverso la mobilità elettrica, con l’obiettivo di installare oltre 6 mila punti di ricarica per i veicoli.

Sul fronte finanziario sono attesi un ebitda più che raddoppiato a oltre 2,5 miliardi e un utile netto in crescita di oltre l’8% medio annuo. Il dividendo 2020 sarà di almeno 8 centesimi per azione rispetto ai 7,75 dell’esercizio precedente. Quindi la cedola ammonterà ad almeno 8,20 centesimi nel 2021 e a 8,50 cent l’anno successivo. In seguito la crescita minima sarà del 3% all’anno.

A2A ha introdotto un modello operativo che prevede semplificazione, una corporate più leggera e la decentralizzazione. La principale novità è la riduzione delle business unit da cinque a tre: energia, ambiente, reti. In cantiere ci sono anche un digital plan, che permetterà di inserire il digitale in tutte le attività del gruppo, e l’assunzione di 6 mila addetti.

Mazzoncini ha precisato che nelle rinnovabili sono previsti 4,1 miliardi di investimenti, di cui il 12% in m&a (poco più di 400 milioni) e che l’obiettivo è investire in piattaforme di sviluppo. L’m&a sarà per il 70% in Italia: «Stiamo facendo ancora scouting per capire quali sono i paesi interessanti per lo sviluppo delle rinnovabili all’estero». Nella gestione dei rifiuti «osservato speciale è la Spagna e pensiamo a partnership locali, anche per ridurre il rischio autorizzativo». Per quanto riguarda il 2020, ha aggiunto l’a.d., «ci aspettiamo risultati più solidi del previsto».

A piazza Affari A2A ha chiuso in progresso del 3,43% a 1,37 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ita, la nuova compagnia aerea a controllo pubblico, si chiamerà Alitalia, come la vecchia. Lo stor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Strada spianata per la fusione Sia-Nexi, che ora avverrà «nei più brevi tempi possibili», scriv...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra anche il reddito di cittadinanza nel decreto fiscale collegato alla manovra all’esame oggi ...

Oggi sulla stampa