Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

A2A, profitti triplicati e nozze

Forte balzo dell’utile netto di A2A nel 2016: quello consolidato è triplicato a 224 milioni di euro contro i 73 dell’anno precedente. Il risultato netto ordinario, che non considera le operazioni straordinarie, è stato di 377 mln (278 mln). All’assemblea verrà proposta la distribuzione di un dividendo di 4,92 centesimi di euro per azione, in crescita del 20%, per un importo complessivo pari a 153 mln.

La capogruppo ha realizzato un utile netto di 274,1 milioni rispetto al rosso di 73,5 milioni del 2015. Tra gli altri dati del consolidato, i ricavi sono migliorati del 3,5% a 5,093 miliardi, il margine lordo è cresciuto del 17,5% a 1,231 miliardi e il risultato operativo netto è passato da 215 a 456 milioni. Gli investimenti sono ammontati a 424 milioni (+35%). La posizione finanziaria netta è salita da 2,897 a 3,136 miliardi di euro.

Nell’ambito del piano industriale 2017-2021 la multiutility prevede di investire 2,75 miliardi, 500 milioni in più rispetto al 2016-2020. Tra gli altri obiettivi figurano l’aumento dell’utile netto a 470 milioni, un mol di 1,38 miliardi e il miglioramento della posizione finanziaria netta a 2,5 mld. Per quanto riguarda il dividendo, l’obiettivo è raggiungere 7,5 centesimi. Il piano non incorpora iniziative di crescita esterna e di ulteriore efficienza dei costi. Il 90% degli investimenti sarà finalizzato al sostegno nei business regolati e quasi regolati. Il 53% andrà alle reti di distribuzione e al teleriscaldamento, il 25% all’ambiente. Nel retail si prevede un aumento di 150 mila clienti all’anno a mercato libero. A2A intende realizzare un miglioramento di 100 milioni a livello di mol e la politica dei dividendi prevede un payout minimo del 60% negli anni successivi al 2019.

L’a.d. Valerio Camerano ha parlato di «un anno con risultati positivi» e di un utile netto «molto rilevante». Ma gli occhi sono puntati soprattutto sui piani di aggregazione. Nello scorso fine settimana A2A ha firmato una lettera di intenti con quattro utility lombarde: Varese, Como-Monza, Valtellina e Lecco. Il presidente Giovanni Valotti ha confermato che l’obiettivo è arrivare alle prime proposte nell’arco di qualche mese: «È una lettera non vincolante, ma c’è un impegno in tempi brevi a delineare i contorni di un progetto di integrazione. Quali saranno le caratteristiche del progetto e il ruolo di A2A è oggetto del tavolo, quindi non siamo in grado di dirlo. A2A fa crescere le aziende di media dimensione: non le ingloba, ma dà il carburante per la crescita. Il nostro modello è chiaro. La nostra è un’offerta aperta a tutte le aziende interessate: se ve ne saranno altre, saremo felici di sederci al tavolo e discutere».

A Piazza Affari il titolo della multiutility ha ceduto il 2,68% a 1,38 euro. Un gestore ha spiegato che si è verificato il classico sell on news (vendite sulle notizie) dopo che il titolo ha guadagnato da inizio anno quasi il 15%: «I conti hanno battuto le attese e la guidance (linee guida, ndr) è stata aggressiva e, a mio avviso, raggiungibile».

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa