Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«A questi tassi non resistiamo»

Mariano Rajoy chiede aiuto all’Europa perché sostenga il debito della Spagna: «È questa la vera emergenza», dice il premier conservatore reclamando gli acquisti di bonos da parte della Bce e del fondo salva-Stati Ue per raffreddare i tassi. Madrid non può uscire a mani vuote dal vertice di Bruxelles: le stime sul Pil prospettano una recessione ancora lunga, in un Paese con un tasso di disoccupazione già al 25%; mentre le proiezioni sul deficit fanno presagire una nuova crisi di credibilità.
«La Spagna non potrà continuare a lungo a finanziarsi ai tassi attuali di mercato», ha detto premier in Parlamento mentre i rendimenti dei bonos decennali rimanevano anche ieri a ridosso del 7%. «Ci sono – ha spiegato Rajoy – molte istituzioni ed entità finanziarie che non hanno più accesso al mercato. Sta succedendo in Spagna, succede in Italia e in altri Paesi, ecco perché si tratta di un problema cruciale». La Spagna è a favore dell’unione bancaria e dell’unione di bilancio nell’Eurozona, «ma c’è – ha spiegato il leader conservatore – una questione più urgente ora ed è quella del rifinanziamento. Stiamo attraversando una congiuntura economica molto difficile, le misure adottate a livello nazionale non sono più sufficienti. Abbiamo bisogno di iniziative forti e chiare dall’Europa».
Al termine di una teleconferenza straordinaria per esaminare le domande di aiuti presentate da Spagna e Cipro, l’Eurogruppo ha fatto sapere che «fornire assistenza alla Spagna è giustificato per salvaguardare la stabilità finanziaria nell’Eurozona», spiegando che «il prestito chiesto da Madrid per ricapitalizzare le banche sarà condizionato a specifiche riforme del settore finanziario che includano piani di ristrutturazione in linea con le regole europee». I ministri europei hanno anche indicato un fabbisogno delle banche iberiche di 51-62 miliardi di euro al quale aggiungere «un margine di sicurezza addizionale soggetto alla valutazione europea in collegamento con Bce, Eba e Fmi», comunque «ben dentro l’impegno definito dall’Eurogruppo di un prestito fino a 100 miliardi in totale». Sarà il Frob, il fondo per la ristrutturazione ordinaria delle banche, a ricevere le risorse ma «il Governo spagnolo resterà pienamente responsabile e firmerà il memorandum d’intesa e l’accordo sull’assistenza finanziaria». L’Eurogruppo assicura inoltre che l’impegno sul risanamento – che dovrebbe ridurre quest’anno il deficit al 5,3% del Pil dall’8,9% del 2011 – «sarà verificato strettamente e regolarmente in parallelo con l’assistenza finanziaria».
Ma l’economia spagnola continua ad avvitarsi su sé stessa, tra tagli, tasse e recessione: secondo le prime analisi della Banca di Spagna sui consumi privati «nel secondo trimestre, l’attività economica è scesa a un ritmo più intenso rispetto ai primi mesi del 2012», quando la contrazione del Pil era stata dello 0,3 per cento.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa