Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

A Milano oltre un milione le comunicazioni via Pec

A Milano l’introduzione del processo civile telematico ha prodotto oltre un milione di comunicazioni via pec dei biglietti di cancelleria, oltre al deposito di 155mila atti. Questi due dati sono stati quelli riportati nel primo «Bilancio di responsabilità sociale 2012-2014» dell’Ordine degli avvocati di Milano, presentato ieri mattina a Palazzo di Giustizia dal presidente facente funzione dell’Ordine, Luigi Pagani, dal consigliere segretario Enrico Moscoloni e dalla consigliera tesoriere Cinzia Preti. Hanno partecipato anche il presidente vicario del Tribunale milanese Roberto Bichi, il presidente della Corte d’Appello Giovanni Canzio e il sottosegretario della Regione Lombardia Giulio Gallera.
Nel bilancio si trova una fotografia del numero degli iscritti all’Ordine che sfiora quota 23mila (con una leggera prevalenza delle donne), viene segnalato che nel biennio 2013-2014 sono state inviate oltre un milione di comunicazioni nell’ambito del processo civile telematico. Inoltre, «con 155mila atti depositati telematicamente da 7.959 avvocati tra agosto 2013 e luglio 2014 nel distretto di Milano – si legge nella relazione – e oltre 200mila provvedimenti depositati dai magistrati (circa un quarto dei depositi a livello nazionale) Milano si conferma la capofila nazionale del processo civile telematico».
L’Ordine, poi, spiega che l’Organismo di conciliazione «ha definito nel triennio 2012-2014 oltre 8mila procedimenti» e, tra questi, la tipologia di gran lunga più gettonata per una soluzione stragiudiziale è quella relativa ai contratti assicurativi, bancari e finanziari. Il servizio «Avvocati in zona» ha accolto in tre anni circa 5mila cittadini. I settori, infine, in cui l’Ordine degli avvocati milanesi si è mosso con più iniziative sono stati quelli relativi al contrasto alla violenza sulle donne, al gioco d’azzardo, al cyber bullismo, ai reati informatici.
Si conferma poi il ruolo da battistrada delle convenzioni tra tribunale e ordine forense nella delineazione sin dal 2007 di un embrione di ufficio del giudice che adesso ha preso piena forma anche giuridica, ammettendo allo svolgimento di parte del tirocinio presso le sezioni civili a supporto dell’autorità giudiziaria.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa