Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

A luglio consumi positivi, le famiglie restano diffidenti

Primo, timido segnale di ripresa dei consumi. Secondo Confcommercio, a luglio si è registrato un aumento rispetto a giugno (+0,3%), anche se resta un calo (- 0,1%) su base annua. Il quadro congiunturale resta comunque «fiacco e ricco di contraddizioni » – osserva l’Ufficio studi di Confcommercio – ed è ancora «prematuro parlare di inizio di una fase di recupero della spesa delle famiglie».

Vedono nero anche le organizzazioni dei consumatori che lanciano l’allarme, con Adusbef e Federconsumatori a sottolineare la drammaticità dei dati sull’alimentare «la cui contrazione, solo nell’ultimo anno, è stata del 2,4%» (ma dal 2008 al 2014 il calo è stato del 10,4%), mentre il Codacons prevede che i consumi continueranno a scendere.
«I deboli segnali di miglioramento sul versante dei consumi — rileva ancora l’Ufficio studi di Confcommercio — sono offuscati dal terzo calo consecutivo della fiducia, con l’indice che torna nel mese di agosto sui valori di marzo. La produzione industriale non mostra un deciso recupero e i dati mensili sull’occupazione sono caratterizzati da una perdurante alternanza di valori positivi e negativi». Analizzati più nel dettaglio i consumi di luglio su giugno, si registrano le seguenti variazioni: per i beni e servizi per la mobilità +1,9%, per gli alimentari e bevande e tabacchi +0,9%.
In lieve incremento i beni e servizi per le comunicazioni (+0,4%), i beni e servizi ricreativi (+0,3%), i beni e servizi per la cura della persona (+0,2%) e l’abbigliamento e le calzature (+0,1%). Si è invece ridotta a luglio su giugno la spesa per gli alberghi, pasti e consumazioni fuori casa (-0,4%) e per i beni e servizi per la casa (-0,3%). Su base annua, cioè rispetto al luglio del 2013, si rilevano variazioni positive per i beni e servizi per le comunicazioni (+5,2%), per i beni e servizi ricreativi (+0,9) e per i beni e i servizi per la mobilità (+0,3%). Un aumento, seppur modesto, si è registrato anche per alimentari, bevande e tabacchi (+0,2%). Una riduzione dei consumi ha interessato i beni e servizi per la casa (-1,7%), gli alberghi, i pasti e le consumazioni fuori casa (-1,1%), l’abbigliamento e le calzature (-1,1%) che permangono in territorio negativo nonostante il periodo dei saldi.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa