Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

A Finmeccanica inizia l’era Moretti Clausola onorabilità bocciata dai fondi

Era già accaduto all’assemblea dell’Eni.

Quando la maggior parte dei fondi internazionali si schierò contro la proposta del Tesoro, socio di maggioranza. Lo stesso risultato si è avuto ieri, durante l’assemblea che ha nominato il nuovo cda, sancendo così l’inizio dell’era di Mauro Moretti – l’ex numero uno delle Ferrovie dello Stato – alla guida del gruppo Finmeccanica.
Anche in questa occasione, la maggioranza degli investitori internazionali ha bocciato la richiesta di inserire nello statuto della società la cosiddetta “clausola di onorabilità”. In sostanza, l’obbligo di non eleggere o di far decadere gli amministratori della società nel caso di condanne di primo grado o anche solo di rinvio a giudizio. Occorreva il voto favorevole del 75 per cento del capitale presente in assemblea, ha votato a favore il 66 per cento e contro il 33,37per cento, più una manciata di astenuti.
Le sorprese non sono finite qui: tra i soci ha fatto la sua comparsa la Caisse de depots, l’equivalente francese della Cassa Depositi Prestiti, con una quota dell’1,5 per cento. L’assemblea ha poi votato, senza più colpi di scena, il via libera al nuovo consiglio di amministrazione, in cui è stato confermato alla presidenza l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro, che conferma le deleghe a relazioni esterne e istituzionali, sicurezza aziendale e internal audit. I membri del cda indicati dal Tesoro sono oltre a Moretti, Marta Dassù, Alessandro De Nicola, Guido Alpa, Marina Elvira Calderone, Fabrizio Landi. I consiglieri indicati dai fondi ed eletti sono Paolo Cantarella, Dario Frigerio, Marina Rubini e Silvia Merlo. Il consiglio di amministrazione si è poi riunito nel pomeriggio per dare l’incarico ufficiale a Moretti.
L’assemblea ha pure stabilito i compensi del cda. Il presidente avrà un compenso annuo di 90mila euro annui, aumentabili con le deleghe, mentre i consiglieri 80mila. All’ex ad Pansa dovrebbe spettare una liquidazione che dovrebbe aggirarsi sui 4,5 milioni
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa