Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Montepaschi, un’altra caduta in Borsa Guzzetti: Atlante, banche estere assenti

Il Fondo Atlante non ce la fa a sostenere il peso di tutte le crisi bancarie del Paese, da Popolare di Vicenza e Veneto Banca fino ai crediti in sofferenza di Mps (un impegno da 1,6 miliardi). Così ieri è sceso in campo direttamente il presidente della Fondazione Cariplo e dell’Acri, Giuseppe Guzzetti, attaccando quelle istituzioni finanziarie che non hanno investito in Atlante: «I soldi che dovevano arrivare negli elenchi che abbiamo diligentemente compilato ai massimi livelli non sono arrivati». Ce l’ha con le estere: «Bnp Paribas e Credit Agricole sono in Italia con banche che hanno sofferenze e forse fanno anche utili, glielo auguro. E non fanno solidarietà per tutto il sistema?». Allianz invece «si è comportata bene». Sul fondo gestito dalla Quaestio sgr di Alessandro Penati, «Retrospettivamente avrei fatto meglio a non partecipare», ha detto ricordando di avere «costretto» le fondazioni a versare 536 milioni.

Guzzetti ha in mente non solo Atlante 1, che ha raccolto 4 miliardi e ne ha usati 2,5 per le banche venete, ma anche Atlante 2, che ha raccolto 1,6 miliardi e punta a 3-3,5 miliardi entro luglio 2017, da investire innanzitutto nelle sofferenze di Mps. «Chi a Siena ha preso bond perché non mette soldi in Atlante 2?», ha continuato. Ma l’intreccio su Siena è molto complesso. Per esempio Generali ha un impegno fino a 200 milioni in Atlante 2 (dopo i 150 milioni in Atlante 1) ma ha anche bond subordinati Mps per meno di mezzo miliardo. Per questo — spiegano fonti a conoscenza del dossier — serve capire i termini della conversione dei bond Mps in azioni, prima di poter decidere su Atlante.

Il ceo di Mps Marco Morelli intanto ieri ha cominciato il roadshow per convincere i bondholder a convertire (una cordata di fondi hedge con capofila Attestor Capital è accreditata di bond per quasi 1 miliardo) e nuovi investitori. Il mercato attende di capirne di più sui possibili nuovi soci e ieri Mps è arretrata ancora, -8,6% a 0,26 euro. Anche in attesa dell’evoluzione della proposta di Corrado Passera.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa