Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Prosegue la marcia delle Borse: i mercati aspettano misure straordinarie dalla Cina

A marzo le importazioni e le esportazioni di Pechino sono crollate: gli addetti ai lavori sono convinti che presto interverrà la banca centrale. Segnali di ripresa dal Giappone. Piazza Affari “vede” quota 24mila punti. Stabile lo spread, mentre l’euro è a 1,06 contro il dollaro

Le Borse del Vecchio continente ripartono dopo una settimana positiva, che ha portato il Dax di Francoforte a trattare ai nuovi livelli massimi storici in area 12.400 punti, mentre Piazza Affari ha archiviato una quattro-giorni di rialzi (+2,4% escludendo Pasquetta) che portano il bilancio da inizio anno in positivo del 25% circa. I listini cercano dunque di consolidare i recenti rialzi in attesi di nuovi segnali capaci di indirizzare le prossime mosse degli investitori.

In questo senso si guarda con attenzione alla Cina dove le esportazioni a marzo sono scese del 15% annuale, la discesa più forte dal 2009, mentre gli analisti si aspettavano un rialzo del 12%. Giù del 12,3% anche l’import: l’avanzo di bilancio si asciuga ad appena 3,1 miliardi di dolari, contro un atteso surplus di 45,4 miliardi di dollari. A questo punto è possibile che Pechino decida di varare nuovi stimoli all’economia, magari con iniezioni di capitali sul mercato.

Un mossa che potrebbe amplificare l’effetto del Quantitative easing della Bce che continua a spingere gli acquisti, mentre i rendimenti dei titoli di Stato scendono: il Tesoro – che oggi avvia il collocamento del nuovo Btp Italia – ha piazzato Bot annuali vicino al rendimento zero, la Svizzera ha emesso decennali in negativo e ormai per gli esperti manca poco perché il Bund tedesco a dieci anni finisca sotto zero.

Nel frattempo. hli investitori continuano a guardare all’evoluzione della situazione in Grecia: il fatto che Atene abbia saldato la tranche da oltre 450 milioni con il Fmi, la scorsa settimana, ha contenuto i timori di default, ma a detta dello stesso governo greco i soldi finiranno prima del termine del mese. Dal punto di vista macroeconomico, invece, la giornata è scarica di eventi di rilievo: dopo il via libera del governo al Def, oggi l’Istat pubblica i dati sulla produzione industriale di febbraio 2015. Nel pomeriggio, poi, arriveranno i dati sul deficit Usa (l’agenda).

A Milano Piazza Affari avanza dello 0,1% a un passo da quota 24mila punti che manca dall’ottobre 2008. Allineate al listino italiano ci sono Londra, Francoforte e Parigi. Poco mosso lo spread, la differenza di rendimento tra titoli italiani e tedeschi a 10 anni, in area 110 punti base, mentre i Btp italiani vengono scambiati sul mercato secondario a un tasso dell’1,26%. L’euro vale 1,06 dollari.

In mattinata la Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi poco mossa (-0,01%) in una giornata dai dati macroeconomici poco brillanti: gli ordini di macchinari sono scesi a febbraio dello 0,4%, mentre i prezzi all’ingrosso di marzo, al netto del rialzo della tassa sui consumi dal 5% all’8%, sono crollati del 2,1%. Secondo il governatore del BoJ Haruhiko Kuroda, l’economia è in ripresa moderata, mentre la politica monetaria produce gli effetti attesi e l’inflazione è “intorno allo ‘0’ per il momento” scontando i prezzi del greggio.

Venerdì scorso gli indici a Wall Street hanno chiuso in rialzo archiviando la seconda settimana di fila in positivo. C’è grande attesa per il proseguo della stagione delle trimestrali iniziata informalmente con Alcoa: pare che molti gestori stiano aspettando i risultati e le guidance della Corporate America per prendere decisioni di portafoglio. Il Dow Jones ha aggiunto lo 0,6%, l’S&P 500 ha guadagnato lo 0,5% e il Nasdaq è salito dello 0,4%.

Sul fronte delle materie prime il petrolio è poco mosso a 51,68 dollari per il barile Wti e a 57,83 dollari per il Brent. L’oro è in calo a 1.204,15 dollari cedendo lo 0,4%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa