Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nel Parlamento-arena tra criceti, sberleffi

ROMA La grande paura di restare al di qua della sottile linea rossa, vita o morte di una maggioranza, è durata un giorno intero. Finché alle 19.42 le lucine sul tabellone di Palazzo Madama hanno detto che sì, i giallorossi di Giuseppe Conte degusteranno il panettone. Non era scontato, nelle ore tumultuose in cui Di Maio accusava Salvini di aver «aperto il mercato delle vacche» e Stefano Lucidi, senatore stellato in fuga, portava in scena mammiferi di altra specie: «Non mi sento un criceto, esco dalla ruota e voto no».

Il Movimento è nel panico, il governo pure,‘a nuttata del fondo salva—Stati è passata con 165 sì, eppure i parlamentari della maggioranza non sono andati a letto tranquilli. Perché i topi e altri roditori scappano, «i numeri ballano» e chissà se è vero che l’azzurro Paolo Romani ha già messo su una pattuglia di dieci «responsabili», pronti a lasciare la Forza Italia di Berlusconi per l’Italia Viva di Renzi.

La maggioranza per adesso tiene, i nervi dei parlamentari meno. Gianluigi Paragone, che non votò la fiducia al Conte II, non sapeva che pesci prendere nel gelido mare del Mes e si è affidato a Facebook, dove ha pescato 16 mila voti e poi ha votato no, come avrebbe fatto il 54% dei suoi amici virtuali. È la politica ai tempi dei social, bellezza, tempi in cui Matteo Salvini può permettersi il lusso di stare in aula il meno possibile e di infiammarla comunque. Il leader del centrodestra dipinge il trattato europeo come un terrificante Babau, Conte come «la copia sbiadita di Monti» e ironizza sul curriculum del premier: «I 32 docenti che hanno detto no al Mes sono tutti professori veri, con concorsi veri. Questi non hanno svenduto la loro coerenza per salvare la loro poltrona».

 

Al mattino, a Montecitorio, la prova generale. Alle 9.30 Roberto Fico attende il premier fuori dall’aula e poiché Conte ama farsi aspettare, il presidente della Camera scherza con i giornalisti: «La notizia di oggi è Gattuso, che va prima al Senato e poi viene da me». Quando il premier attacca a parlare l’emiciclo è ancora mezzo vuoto, segno che il merito del trattato salva—Stati non sta a cuore (quasi) a nessuno. Il leghista Igor Iezzi ha scattato abusivamente una foto e la lancia sul web, per dimostrare «che mentre Conte parla non lo ascolta neanche la sua maggioranza». Alle 10 il prof è ancora lì che dispensa auspici sul Green Deal e moniti sul bilancio Ue («Non accetteremo tagli»), ma lo scranno di Di Maio è sempre vuoto. Che fine ha fatto, il ministro degli Esteri? Sta parlando alla base del M5S, in diretta video da Palazzo San Macuto, poi corre in aeroporto e vola in Albania.

Conte intanto evoca l’Italexit e prova a smascherare il leader leghista. L’aula è sonnolenta e Federico Mollicone di FdI suona la sveglia alla maggioranza: «Vi siete venduti anche l’animaaa!». Ma quando si mette la mano in faccia per mimare un naso di pagliaccio, Fico alza il cartellino giallo: «Deputato Mollicone, ma che gesti fa?». Segue show del leghista Claudio Borghi che cita il «calpesti e derisi» dell’Inno nazionale ed elenca i nomi dei 5 Stelle che avrebbero cambiato idea sul Fondo salva-Stati.

«Faccio paura»

La leader di Fratelli d’Italia ironizza: io sono una terrorista, faccio paura

Ancora niente, se paragonato alla foga con cui Giorgia Meloni fa a pezzi il testo del Mes e la politica estera dei giallorossi. «Non siamo isolati, nooo… siamo rinchiusi in una botola! Mi rispondete? Perché dobbiamo usare i soldi degli italiani per aiutare le banche tedesche?». La «capitana» di FdI, che a forza di studiare ha scavalcato nei sondaggi persino Salvini, si sgola e ironizza su chi in Europa teme una leader sovranista: «Io faccio paura, sono una terrorista». Tutte menzogne, solo menzogne, è la replica del Pd con Piero De Luca. Finalmente si vota e sul tappeto rosso che porta alla buvette Giancarlo Giorgetti dispensa aforismi in greco antico. Che dice onorevole, ci sono i numeri per approvare il Mes? «Panta rei, tutto scorre».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il management di Mediobanca confeziona una trimestrale con 200 milioni di utile netto, meno di un an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessun rilancio sul prezzo, ma un impianto complessivamente più flessibile e con qualche passo avan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le recenti modifiche apportate alla legge 130/1999 (disposizioni sulle cartolarizzazioni dei crediti...

Oggi sulla stampa