Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La nuova vita delle Bcc

Aggiornamento del piano industriale nel prossimo autunno, mantenendo come orizzonte temporale il 2021; ulteriore accelerazione sul fronte npl, dopo averne ceduti per 3 miliardi negli ultimi 3 anni, comprendendo la cartolarizzazione di 700 milioni e la cessione di un portafoglio da 300 milioni, prevista entro fine anno; nessuna ipotesi di quotazione in Borsa. Sono le linee guida di Cassa Centrale Banca — la holding che dallo scorso 1° gennaio ha dato vita a un gruppo che riunisce 80 Banche di credito cooperativo, con 1.500 filiali e 11 mila dipendenti — così come illustrate ieri dal presidente, Giorgio Fracalossi, e dall’amministratore delegato Mario Sartori. «Avevamo un target npe ratio lordo all’8,8%, stiamo lavorando per migliorarlo al benchmark europeo tra 5 e 7%», ha spiegato Sartori presentando il bilancio 2018 chiuso per la holding con 97 milioni di utile e per l’aggregato (che comprende le Bcc che hanno aderito al neo gruppo) di 308 milioni. A fine 2018 Cassa Centrale Banca aveva un’incidenza dei crediti deteriorati lordi al 12,9% (in anticipo rispetto al target del 13,5%), oggi scesa al 10,6%-10,7%. Quanto, invece, alla quota in Iccrea (18%), la holding concorrente, Fracalossi è convinto che si troverà «una soluzione condivisa».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le banche sono di fronte a una scelta obbligata: fare dell'evoluzione tecnologica la chiave per conq...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il concordato con continuità aziendale (articolo 186-bis della legge fallimentare) guadagna spazio ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il credito del professionista incaricato di redigere l'attestazione richiesta dalla legge fallimenta...

Oggi sulla stampa